Fabrizio Moro Pace Live tour: l’amore è più forte della paura

Ieri sera Fabrizio Moro è tornato sul grande palco del Palalottomatica di Roma con il suo Pace Live tour. Mai nome più appropriato per una data che arriva a soli quattro giorni di distanza dal tragico attentato di Manchester, avvenuto durante il live della popstar Ariana Grande.

La ferita è ancora fresca e Fabrizio Moro è uno tra i primi artisti italiani ad esibirsi dopo il triste evento. Come si poteva immaginare non può perciò non affrontare l’argomento.

Il giorno del concerto già sulla sua pagina Facebook aveva voluto tranquillizzare i fan: “I fatti di Manchester hanno lasciato un grande turbamento dentro ognuno di noi. In tanti mi avete scritto esternandomi i vostri sentimenti, la vostra paura, appunto, di partecipare ai concerti di domani e dopodomani al Palalottomatica di Roma. Non dovete aver paura. Non fatevi fregare dalla paura perchè è quello che vogliono i cattivi. Uscite di casa, continuate a fare la vostra vita ogni giorno. Non pensate a quello che di brutto può accadere ma, a quello che di bello può accadere in ogni momento della vostra esistenza, soprattutto durante un concerto. Domani sera riempiremo lo spazio che ci siamo conquistati con fatica in questi anni e lo stesso spazio lo riempiremo anche dopodomani sera, perchè quello spazio è solo nostro.

Nonostante il messaggio Fabrizio vuole ribadire il concetto “faccia a faccia”, con le luci del palco e della platea ancora accese: “Volevo rassicurare tanti di voi perché in questi giorni mi hanno scritto tanti ragazzi esternandomi la paura di partecipare al concerto. Siamo circa 7000 stasera, domani sera saremo 5000. Siamo qui, siamo tanti e non abbiamo paura. Io non ho paura. La voglia di esternare i nostri sentimenti è più forte della paura. E soprattutto questo spazio qui ce lo siamo sudati con tanta fatica. Io personalmente preferirei morire piuttosto che rinunciarci. Sento fortemente che l’amore che provo verso di voi e che voi provate verso di me è più forte della paura, molto più forte.

Dopo questo messaggio di coraggio invita tutti a rispettare il minuto di silenzio istituito in tutta Europa alle 21 per ricordare le vittime di Manchester e di tutti gli attentati. Dopo il silenzio un grande boato di voci fa dimenticare la tristezza e apre finalmente il concerto.

Il live inizia proprio con “Pace”. Fabrizio Moro è emozionato, ma carico e padrone di quel palco che tanto si è sudato. Per arrivare qui ne ha calcate di scene, nei locali più piccoli e sconosciuti, ma con la stessa grinta di oggi. Questo tour consacra definitivamente Fabrizio tra i grandi cantautori italiani.

Riguardando la sua discografia e, per i più appassionati, avendo seguito i suoi live negli anni è evidente questa nuova fase artistica e personale. “Pace” rappresenta l’evoluzione avviata nel 2013 con “L’inizio” e intervallata nel 2015 da “Via delle Girandole 10”.

Si spezza la voce che perde il coraggio e questa paura che trova un abbraccio, le strade percorse con indecisione, la storia descritta in una canzone”. Oggi Fabrizio Moro sembra godersi a piene vene le emozioni di questo live che restituisce al Palalottomatica gremito di gente.

Come sempre non mancano riflessioni sociali e personali. Momento emozionante quello in cui ricorda una sua storica fan scomparsa pochi giorni fa stroncata da un brutto male. Fabrizio abbandona immediatamente la tristezza sulle note di “Alessandra sarà sempre più bella”.

Presenti anche due ospiti d’eccezione. Il primo duetto è con l’attrice Bianca Guaccero che “debutta” da interprete per la prima volta con il brano “È più forte l’amore”, la colonna sonora del suo prossimo film “In punta di piedi”, regia di Alessandro D’Alatri.

Seconda ad esibirsi insieme a Fabrizio Moro è Elodie, la sua ex allieva di Amici a cui ha donato “Un’altra vita” e per la quale il cantautore mostra grande stima e intesa artistica.

Il pubblico ricambia poi le emozioni del live con migliaia di immagini di Mazinga esibite durante “Giocattoli” per cantare insieme “Vai Mazinga vola contro la crudeltà e ridammi indietro tutta la felicità”.

Insomma Fabrizio è diventato l’artista nazionale che tanto ha ambito di essere, ma è rimasto lì con i piedi per terra tra quella gente che lo ha seguito e gli ha dato la spinta per arrivare in cima a questa vetta da dove oggi si gode il panorama.

Scaletta Fabrizio Moro Pace Live Tour
  1. Pace
  2. L’essenza
  3. È solo amore
  4. Tu
  5. Il peggio è passato
  6. La felicità
  7. Alessandra sarà sempre più bella
  8. Tutto quello che volevi
  9. Eppure mi hai cambiato la vita
  10. Giocattoli
  11. L’eternità
  12. Semplice
  13. Sono anni che ti aspetto
  14. Andiamo
  15. L’inizio
  16. Libero
  17. Da una sola parte
  18. Sono come sono
  19. Intanto
  20. Sono solo parole
  21. È più forte l’amore feat. Bianca Guaccero
  22. Il senso di ogni cosa
  23. Un’altra vita feat. Elodie
  24. Portami via
  25. Pensa
  26. Parole rumori e giorni
  27. Un pezzettino
  28. L’Italia è di tutti
  29. Babbo Natale esiste

di Arianna Orlando

Fotogallery di Laura Sbarbori

2017-08-02T10:33:15+00:00 27 Maggio 2017|Live Report|0 Commenti