Litfiba: l’album “Infinito”, la separazione di Piero&Ghigo e l’annuncio della reunion

di Dalila Giglio

1999

E’ il 22 gennaio del 1999, quando i Litfiba pubblicano “Infinito”, il loro album di maggior successo in termini di vendite (1.000.000 di copie) e di visibilità, ma anche il disco che sancisce la fine di un lungo capitolo, che si conclude con la fuoriuscita di Piero Pelù dalla band, la quale rimane in attività con una formazione del tutto rinnovata.

Il nuovo disco, dedicato all’elemento del tempo, rappresenta un vero e proprio elemento di rottura con i precedenti lavori discografici, rispetto ai quali presenta sonorità maggiormente pop, ottenute con l’uso di chitarre più morbide e di una vocalità più dolce; a questa svolta “commerciale che ha fatto storcere il naso a molti fan della prima ora è da ricondurre, presumibilmente, l’acquisizione di un target di pubblico più ampio e trasversale.

Il singolo di lancio dell’album, “Il mio corpo che cambia”, si rivela immediatamente un grandissimo successo, così come i due pezzi estratti successivamente, “Vivere il mio tempo” e “Mascherina”, ancora oggi molto amati.

Nonostante il clima d’incomprensione e di crescente tensione tra i due componenti storici della band, presente giù durante la gestazione del disco, il relativo tour, che fa registrare il tutto esaurito ad ogni data, prende comunque il via ad aprile, per concludersi l’11 luglio all’autodromo di Monza in occasione del “Monza Rock Festival 1999”: in quella data i Litfiba tengono il loro ultimo concerto prima dell’abbandono da parte di Pelù, che ufficializza l’addio al gruppo e l’inizio della carriera da solista.

2000-2009

Ghigo, al quale rimane il marchio Litfiba, decide di portare avanti la storia del gruppo con una nuova formazione, che vede al basso Gianluca Venier, alla batteria Ugo Nativi e alla voce, nonché alla chitarra, Gianluigi Cavallo, detto “Cabo”, fino ad allora sconosciuto al grande pubblico.

All’inizio del 2000 viene pubblicato “Elettromacumba“, un album caratterizzato da sonorità più rock, rispetto ai più recenti lavori dei Litfiba, a cui segue il relativo tour (al quale partecipa, come tastierista, Mauro Sabbione).

Nel 2001 esce l’innovativo album liveLive on line” contenente 15 brani, del vecchio e del nuovo repertorio, che vengono messi sul web tramite il portale Lycos, in maniera tale che chiunque possa scaricarli e ascoltarli liberamente e i quali, successivamente, confluiscono in un cofanetto di sette cd singoli; nello stesso anno viene pubblicato “Insidia”, un disco decisamente dark, sia nei suoni sia nei testi, che riscuoterà un discreto successo di pubblico e al quale seguirà un lungo tour, portato in scena da una formazione nuovamente rinnovata ( al posto di Ugo Nativi subentra Gianmarco Colzi ).

Alla fine del 2002 viene lanciato sul mercato il singolo “Larasong”, scritta per essere la colonna sonora italiana del videogioco “Tomb Raider: The Angel of Darkness“; l’anno successivo il gruppo riparte alla volta di un tour intitolato proprio Lara Tour, al quale segue, nel 2004, lo 04 Tour (entrambi vedono la partecipazione di Antonio Aiazzi,  uno dei membri originari della band).

Nel 2003 la band pubblica “The Platinum Collection”, un triplo cd contenente i maggiori successi del gruppo incisi fra il 1994 ed il 2001alcuni in versione live.

Due anni dopo i Litfiba pubblicano “Essere o sembrare” l’album di minor successo della nuova era, che è anche l’ultimo disco con Cavallo alla voce: nel novembre del 2006, infatti,  Cabo annuncia la propria uscita dalla band, nella quale rimane solo Ghigo, che si vede costretto a dover ricominciare da capo.

Nel 2008, dopo un anno di stop, i Litfiba si ripresentano al grande pubblico con un nuovo cantante fiorentino, Filippo Margheri, il bassista Roberto Terzani, che rientra nel gruppo, e il batterista Pino Fidanza;  alla pubblicazione dell’inedito “Effetti Collaterali” segue, nel 2009, quella dell’ EP autoprodotto “Five on line”, diffuso solo in formato digitale e composto da 5 pezzi registrati in presa diretta in sala prove, tre inediti e due di repertorio.

Il ritorno sulle scene passa, tuttavia, pressoché inosservato dalle case discografiche e dai mass media, ragione per cui il progetto tramonta e, nel novembre del 2009, viene annunciata la temporanea sospensione artistica del gruppo.

Con grande sorpresa del pubblico, l’11 dicembre 2009 viene annunciato, sul sito della band, il ricongiungimento tra Ghigo e Piero- che intanto ha portato avanti la sua carriera da solista pubblicando 5 album in studio, due raccolte, un album dal vivo e un EP nei Litfiba.

Il nastro si riavvolge improvvisamente di 10 anni e la storia ricomincia.

0

Potrebbe interessarti