Home Approfondimenti Musica anni 90: le canzoni intramontabili

Musica anni 90: le canzoni intramontabili

by Marianna Grechi
nirvana-smells-like-teen-spirits

È vero, tutte le generazioni trovano sempre più affascinante l’influenza musicale della generazione precedente. Eppure la musica degli anni 90 ha un’inspiegabile capacità di catalizzare tutto il fascino nostalgico degli “anni migliori” non solo per i figli della generazione Z come me.

Le Boy Band, il Tamagotchi, gli ombretti glitterati, la dance, le puntate di Friends e le felpone ipercolorate con accostamenti discutibili, sono solo alcune delle colonne portanti dell’irresistibile atmosfera degli anni 90. L’ultima decade prima che l’avvento definitivo della tecnologia ci risucchiasse tutti inevitabilmente in un vortice di omologazione e apatia.

In questo collage di polaroid concettuali la lista di brani memorabili della musica anni 90  è senz’altro infinita. Ma quali sono le canzoni intramontabili degli anni 90 che ancora oggi non possiamo fare a meno di cantare a squarciagola quando fanno inaspettatamente capolino in una serata in cui ci hanno propinato un overdose  di reggaeton e trap? Selezionando il meglio del meglio, ecco la top 10 di Inside Music:

10. Underworld – Born Slippy (1996)

Perchè proprio Born Slippy? Perché quale altra canzone può dipingere così chiaramente nella nostra mente l’immagine di Ewan McGregor steso a terra nei panni di un Mark Renton in estasi in Trainspotting, emblema cinematografico degli anni 90?

9. Alanis Morissette – Ironic (1996)

Una canzone, e un album, che hanno portato la cantautrice canadese in cima alle classifiche di vendita negli anni 90 innalzandola a icona degli stessi.

8. Offspring – Pretty Fly (For A White Guy) (1998)

Anche se i fan degli Offspring sanno che il vero mood della band risiede in Self Esteem, altro brano di successo di questa decade, pochi di noi non saprebbero riconoscere  la celebre frase “Give it to me baby…UH HUH UH HUH”

7. Blur – Song 2 (1995)

Anche in questo caso, se è vero che i Blur sono i “perdenti” della celebre diatriba con gli Oasis all’apice del Britpop, è altrettanto vero che riconosciamo Song 2 sin dai primi colpi di cassa e ci prepariamo per gridare a pieni polmoni “WOO HOO!”

6. The Prodigy – Smack my Bit*h up (1997)

La musica degli anni 90 non è solo dance e rock come tendiamo ad associare, nell’ambiente britannico in questi anni si è sviluppato anche il big beat e la cultura rave di cui i The Prodigy ne sono forse l’esponente più emblematico e Smack My Bit*h Up resta un ottimo brano da pomparsi nelle orecchie quando si fa jogging.

5. Fatboy Slim – The Rockafeller Skank (1998)

L’altra faccia della medaglia del big beat, è quella più hip hop che troviamo in questo iconico brano di Fatboy Slim. Poche parole e troppi ricordi “Check it out now…the funk soul brother!”

4. Red Hot Chili Peppers – Scar Tissue (1999)

Anthony Kiedis con I capelli color platino è un dono che hanno potuto godersi solo coloro che c’erano all’uscita di questa meravigliosa canzone dei Red Hot Chili Peppers.

3. Spice Girls – Wannabe (1996)

Senza nulla togliere alle Boy Band che abbiamo detto essere  ingrediente fondamentale di questa decade, non possiamo fare a meno di incontrare sul podio Scary, Sporty, Posh, Ginger e Baby, la Girl Band per eccellenza con il loro brano di debutto da record.

2. Oasis – Wonderwall (1995)

“Because maybeeeeeee”, serve altro?

1. Nirvana – Smells like Teen Spirit (1991)

Eterna icona del grunge di Aberdeen,  Kurt Cobain odiava questa canzone che ha portato la band al successo globale, lo stesso che il frontman ha poi faticato a gestire.

With the lights out, it’s less dangerous
Here we are now, entertain us

Potrebbe piacerti anche