Sgrò: “Non siamo al centro del mondo”

di Marianna Grechi

È appena uscito NON SIAMO AL CENTRO DEL MONDO, il suo nuovo singolo di Sgrò, in collaborazione con i Fanfara Station, distribuito da ADA Music Italy: https://ada.lnk.to/nsacdm

Non Siamo al Centro del Mondo è un invito ad allontanarsi dal calcolo sicuro e comodo della propria quotidianità. Anche a livello musicale la canzone esorta alla scoperta e alla contaminazione, con la fusione di due mondi molto diversi tra loro, quello più cantautorale di Sgrò e quello più world music dei Fanfara Station.

Abbiamo intervistato Francesco Sgrò, un cantautore dalla poetica intima e profonda che sta attraversando una fase di passaggio fondamentale per il suo percorso artistico.

Sgrò Non siamo al centro del mondo copertina b
Sgrò Non siamo al centro del mondo copertina b

Ciao Francesco! Benvenuto ad InsideMusic, “Non siamo al centro del mondo” è un titolo, a mio parere, molto attuale ma esattamente che messaggio si nasconde dietro al brano? E come è nato?

Nasce tutto da questi anni di pandemia e di assenza di contatti con l’altro. Il fulcro è il superamento dei confini, soprattutto personali. Dopo il lockdown ho dovuto reimparare a scoprire l’altro, a sporcarmi le mani e a fare incontri. Mi sono imposto di viaggiare verso continenti nuovi emotivi.

E come ti sei trovato collaborando con i Fanfara Station? Si sente che le sonorità sono particolarmente diverse da MACEDONIA, l’album d’esordio..

A dir la verità benissimo. Certo è stato un reciproco venirci incontro. I Fanfara Station hanno una componente strumentale molto forte.  Ma ho voluto mettermi alla prova con qualcosa di estremamente lontano dalla mia poetica e sono felice del risultato. Ecco questo feat. senz’altro mi ha messo voglia di farne altri di aprirmi a nuovi incontri artistici.

Per esempio quale sarebbe un feat. dei tuoi sogni?

Beh molti! Però ti dico Giovanni Truppi

Quindi con un altro cantautore molto profondo. A proposito di cantautorato, qual è il tuo processo creativo? Hai dei riti?

Guarda tocchi un tasto dolente. Io ogni volta devo ritrovare una stanza in cui tutto di me si sente a mio agio e in cui le mie emozioni si possono esprimere liberamente. La mia stanza a Bologna fino a mesi fa è stata molto produttiva, ora mi da nausea e sono impanicato perché devo ritrovare questo spazio…infatti dopo anni mi sposterò a Milano. È un cambiamento importante, sarà faticoso ma so che come città ha delle opportunità pazzesche a livello artistico.

Cosa è cambiato da quando è uscito MACEDONIA?

Tutto. Io ero impaurito all’idea di cantare davanti alla gente. Ed ero un illuso, che credeva di poter crescere senza fare live. Ecco io ora non potrei farne a meno, è un momento unico per il quale sono grato ogni volta che lo faccio. Vorrei urlarmi addosso per non averlo fatto prima! In questi due anni veramente ho imparato a confrontarmi con le critiche di ogni tipo e sono decisamente cresciuto, ero bloccato prima.

Cosa ti bloccava?

Quando passi dai 13 ai 28 anni chiuso in cameretta a scrivere e basta quella tua ansia negativa diventa parte della tua “postura”. È difficilissima da correggere. Io mi sono boicottato da solo per anni. Ero letteralmente spaventato dalla felicità. Adesso prima di salire sul palco ho ansia positiva. Adrenalina.

Ti ritieni un’artista che scrive per se stesso o che si sente responsabile di inviare messaggi ad altri?

Sto nel mezzo. Come Giorgio Caproni dice della sua poesia: parto da me stesso come un minatore per scavare e trovare un fondo comune a tutti gli uomini”. Pensa “Non siamo al centro del mondo” inizialmente era “Non sono al centro del mondo” però non era coinvolgente sentivo che qualcosa mancava e appena ho cambiato con quel “noi” sono rimasto sconvolto dalla sua potenza.

Quali sono le tue principali influenze?

Direi Truppi, Battisti e Battiato

E quali sono i progetti futuri di Sgrò?

Sicuremente fare più concerti possibile e uscire con il secondo album che devo revisionare ancora. E poi in generale voglio crescere. Circondarmi di artisti da cui imparare tutto!

Ascolta “Non siamo al centro del mondo”!

0

Potrebbe interessarti