Giulia Di Pierno: intervista per il suo debutto con “Fatta di Te”

di Paola Pagni

Classe 1999, Giulia Di Pierno, in arte GIULIA, è una giovane cantautrice milanese nata in provincia di Milano e Fatta di Te è il suo singolo di debuttoprodotto da Sveno Fagotto e registrato nei MobSound Recording Studios di Milano.

Romantica, sensuale ed ipnotica, FATTA DI TE è una canzone dalle sonorità R&B/Soul (con influenze latin) che racconta le prime emozioni di una “bella cotta”; ovvero quello stato confusionale pieno di dubbi, incertezze e speranze che segnano e fanno parte della vita di ogni ragazza (ma non solo). Il brano anticipa un concept album di prossima uscita, al quale GIULIA sta attualmente lavorando. FATTA DI TE è stato scritta interamente dalla stessa GIULIA, mentre la produzione e il mixaggio sono a cura di Sveno Fagotto

Abbiamo scambiato qualche chiacchiera con Giulia, che ci ha trasmesso tutta l’emozione per questo suo debutto artistico con un solido progetto alle spalle.

Intervista a Giulia

Ciao Giulia hai debuttato solo da qualche settimana, come ti senti?

Io sono felicissima già dei risultati che sta ottenendo, per me sono ottimi. Poi come dici tu, ho appena debuttato, quindi sono relativamente tranquilla diciamo, però felicissima.

Questo brano, Fatta di Te: quando l’hai scritto lo immaginavi così?

Quando registri una canzone a volte ti sembra tua a volte no, diciamo che fa un effetto strano, però è una figata e va bene così.

Devo dirti che era quella la visione. Certo Io poi sono molto meticolosa, quindi non sono mai soddisfatta al 100%, ma secondo me è anche giusto, per potermi sempre migliorare.

Però in questo caso si, lo immaginavo proprio così.

Una voce molto calda e avvolgente: quando hai scoperto di avere una timbro da cantante?

Ho cominciato 13 anni ad avvicinarmi al mondo del canto, perché prima ero convinta di non essere in grado di cantare. In realtà non ci avevo nemmeno mai provato, poi con il tempo, a 16 anni, ho iniziato le lezioni di canto e lì con la tecnica ho capito meglio quale fosse la mia voce. All’inizio non riuscivo a fare le note basse e questa cosa mi dava molto fastidio: alla fine ho trovato un modo per farlo ed è uscita questa voce qui, come dici tu, calda. È uscita così, studiando.

E sulla voglia di cantare, qual è il tuo primo ricordo?

Fin da piccola, anche se ero convinta di non saper cantare, mi piaceva tanto la musica. E poi mi sono innamorata di Beyoncé, mi vedevo il suo video “Single ladies” in loop e pensavo: anch’io voglio fare queste cose. Ecco forse è da lì che è partito tutto.

Come sei approdata a Senape dischi?

Grazie a Camilla, che faceva già parte della scuderia di Senape Dischi: ha conosciuto lei per prima Sveno, il nostro producer. Non mi sono decisa subito perché comunque è necessaria una certa fiducia; poi ho capito che così avrei potuto fare le mie canzoni e abbiamo trovato la connessione giusta, ed eccomi qua.

 Il significato del testo di Fatta di te è di una bella cotta se non sbaglio, giusto?

Sì, mi sentivo molto romantica quando l’ho scritta. È quella sensazione lì, che ti cambia proprio lo stato d’animo, inizi a pensare e la tua testa è lì costantemente. Ti fai tante domande il cuore batte forte, una sensazione intensa, però di benessere.

Completamente autobiografica?

Proprio perché sono riservata tendo a prendere spunto dalle mie esperienze, ma non metto mai proprio particolari miei: cerco sempre di aggiungerci un po’ di fantasia, di immagini comuni. Però sicuramente è presa anche dalla mia vita.

In realtà questo è solo l’inizio del progetto: a che punto sei con la preparazione dell’album?

È incominciato tutto nel primo lockdown, ho iniziato a scrivere queste canzoni, erano già sei quando sono andata in studio per registrarle. All’inizio infatti pensavo ad un EP, non un album, ma poi continuavo a scrivere e mi sono resa conto che le canzoni che ho scritto avevano un filo logico. Non l’ho fatto apposta, però alla fine è diventato un concept album.

Ti spaventa o ti attrae l’idea di cantare davanti ad un pubblico?

Direi entrambe le cose. Mi spaventa perché non ho mai portato sul palco canzoni mie e credo proprio che sia una cosa molto forte. Ovviamente non vedo l’ora, ma dall’altro lato penso che avrò un bel po’ di ansia, di quella positiva. Spero anche di riuscire a fare qualche coreografia, perché amo tantissimo ballare: mi piace quasi quanto il canto. Non vedo l’ora di buttarmi !

Hai mai pensato di partecipare ad un talent?

Non ho ancora avuto l’occasione di provarci e sinceramente non lo so quello che capiterà in futuro, in questo senso. Per il momento sto facendo musica mia e mi concentro su questo.

0

Potrebbe interessarti