Putesse essere allero – Pino Daniele (testo)

E dimme quacchecosa nun me lassà’ accussì
stasera sto sballato che voglia ‘e partì
cu’ ddoje parole ‘mmocca e tanta semplicità
putesse essere allero

E dimme quacchecosa nun me lassà’ accussì
‘o viento sta passando e je ‘o voglio sentì
affondo ‘e mani dint’a terra e cerco ‘e nun guardà’
e nun me pare overo

Putesse essere allero e m’alluccano dint’e recchie
e je me sento viecchio
putesse essere allero cu mia figlia mbraccio
che me tocca ‘a faccia e nun me’ fa guardà
E dimme quacchecosa nun me lassà’ accussì
me sento nu criaturo ca nun po’ fà’ pipì
vulesse arrubbà’ senza me fà’ vedè’
tutt’e facce d’a ggente

E dimme quacchecosa nun me lassà’ accussì
‘o viento è già passato nun pozzo cchiù sentì’
e m’ha rimasto ‘ncuollo l’addore d’o magnà’
e nu poco ‘e mare

Putesse essere allero cu nu spinello ‘mmoccacu ‘ e mmane dint’a sacca
putesse essere allero cu na parola sola
ca me desse calore senza me fà’ sunnà’.

Putesse essere allero e m’alluccano dint’e recchie
e je me sento viecchio

Putesse essere allero cu na parola sola
ca me desse calore senza me fà’ sunnà’.
E dimme quacchecosa nun me lassà’ accussì
me sento nu criaturo ca nun po’ fà’ pipì
vulesse arrubbà’ senza me fà’ vedè’
tutt’e facce d’a ggente
E dimme quacchecosa nun me lassà’ accussì
‘o viento è già passato nun pozzo cchiù sentì’
e m’ha rimasto ‘ncuollo l’addore d’o magnà’
e nu poco ‘e mare
Putesse essere allero cu nu spinello ‘mmocca
cu ‘ e mmane dint’a sacca
putesse essere allero cu mia figlia mbraccio
che me tocca ‘a faccia e nun me’ fa guardà

Lorenzo Scuotto

Partenopeo DOC classe 1995 con una spiccata passione per lo sport e per la musica. Assiduo frequentatore di concerti, live reporter a tutto tondo, si occupa anche di recensioni ed interviste. Nel tempo libero si diletta a suonare la tastiera da autodidatta.

2018-11-10T10:35:09+00:00 10 novembre 2018|Testi canzoni|0 Commenti