Dai Black Sabbath a David Bowie fino ad AC/DC e Led Zeppelin: il rock si conferma la migliore colonna sonora per i supereroi, che li ha accompagnati in queste prime tre fasi in battaglie, vittorie e sconfitte. Ripercorriamone insieme la storia e le hit che si possono scaricare come MP3 gratis

Un inizio doveroso è quello che apre la serie di Iron Man, primo protagonista dei vendicatori, uscito nel 2008: in esso conosciamo Tony Stark, genio miliardario e filantropo, che attraversa il deserto dell’Afghanistan insieme a un gruppo di soldati, accompagnato da Back in Black degli AC/DC, brano interrotto dall’attacco che darà poi inizio alla storia. Altra nota da rivelare è che in questo film ha fatto una breve comparsa anche Tom Morello: il chitarrista dei Rage Against the Machine e dei Street Sweeper Social Club, e in passato degli Audioslave, che ha interpretato un terrorista che viene eliminato da Tony Stark. Sia in questo film che nel secondo, inoltre, il musicista ha contribuito registrando alcune parti di chitarra per la colonna sonora. Altro brano cardine che troviamo nel primo episodio della saga di Iron Man è Institutionalized, pezzo della band punk californiana Suicidal Tendencies, e poi la hit che porta lo stesso titolo del film , Iron Man per l’appunto, interpretata da Ozzy Osbourne, pezzo utilizzato in chiusura del film.

Secondo film della serie è il continuo del primo, ed ha come protagonista lo stesso Stark in Iron Man 2, uscito nel 2010. Un inizio a suon di AC/DCShoot to Thrill Highway to Hell, stessa band scelta anche per il primo, mentre ThunderstruckWar Machine The Razors Edge sono state utilizzate nei trailers. Spazio a i Clash con Should I Stay or Should I Go  mentre Stark elabora delicatissime teorie salva pianeti nel suo laboratorio; in un’altra scena, mentre si allena a tirare pugni con la sua guardia del corpo, invece, sentiamo The Magnificent Seven della stessa band. In seguito, durante la scena della sua festa di compleanno, il DJ mette su Another One Bites The Dust dei Queen. Infine, altre due canzoni presenti in questa soundtrack sono Groove Holmesdei Beastie Boys Picking Up The Pieces degli Avarage White Band



Terzo film della saga supereroi Marvel è
Thor, il dio del tuono, del fulmine e della tempesta; esso rappresenta teologicamente il dio (e l’uomo) che possiede, oppure è totalmente identificato, con l'”arma” divina, la “virtù”, ossia la “vista” del principio cosmico (il Martello di Thor, comparato al Vajra vedico-tibetano). È il protettore dell’umanità. Il film dedicato al secondo vendicatore arriva nel 2011 e ha come protagonisti i Foo Fighters con Walk. L’anno successivo arriva il primo film della squadra (quasi) al completo, Avengers, nel film troviamoSoundgarden conLive To Rise, pezzo registrato esclusivamente per questo film nonché il primo della band dopo 15 anni di silenzio. Nello stesso film ritroviamo poi di nuovo gli AC/DC con Shoot to Thrill, usata di nuovo per Iron Man durante la sua entrata in scena. Tony Stark, inoltre, in questo film omaggia i Black Sabbath indossando una loro T-shirt durante alcune scene.
I Guardiani della Galassia, uscito nel 2014 omaggia il valore della musica nelle vite di ognuno: prima di morire, la madre del protagonista Peter Quill regala al figlio un walkman con una cassetta contenente una compilation delle sue canzoni preferite, affinché il piccolo non si scordi mai di lei. Anche da adulto, Peter non smette mai di ascoltare quel nastro sul quale sono incise delle grandi hit degli anni ’70 e ’80, pezzi che finiscono così per diventare la colonna sonora del film. Moonage Daydream di David Bowie è utilizzata per enfatizzare la scena nella quale Quill e la sua squadra si avvicinano alla stazione spaziale e poi Cherry Bomb dei Runaways, quando Peter spiega il suo piano d’attacco ai compagni. Infine, merita una menzione il cameo “sonoro” effettuato da Rob Zombie in questo e in tutti i successivi film: il frontman dei White Zombie, infatti, è amico del regista James Gunn e per questo ha partecipato prestando la sua voce al Navigatore sulla navicella di Yondu.



Dello stesso anno è il film dedicato al supereroe nato in provetta,
Captain America: Civil War del 2014, nel quale troviamo brani come Left Hand Free della band indie alt-J, utilizzata per accompagnare l’entrata in scena per la prima volta di Spider-Man.
Passando ad Ant-Man, uscito nel 2015, in alcune scene troviamo Ant Music degli Adam and the Ants, band della scena new wave degli anni ‘80, pezzo scelto non a caso visto che si parla sempre di formiche. In una scena divertente di questo film, durante una battaglia, Ant-Man pronuncia la frase: “Ti disintegro!. Gli risponde una voce simile a quella di Siri che annuncia la riproduzione dell’album dei CureDisintegration, e fa poi partire la prima canzone del disco, Plainsong.



In
Doctor Strange del 2016, invece, troviamo una hit funk, ossia Shining Star degli Earth, Wind & Fire, così come Interstellar Overdrive dei Pink Floyd, uno dei pezzi strumentali psichedelici e sperimentali più famosi della band.
Segue a ruota questo mood così rock con le tante hit utilizzate nel secondo capitolo dei Guardiani della Galassia, uscito nel 2017: è il caso di Mr Blue Sky di ELO, ricordata da tutti nella scena di baby Groot che balla, The Chain dei Fleetwood Mac, utilizzata per accompagnare alcune scene della battaglia, My Sweet Lord di George Harrison, usata all’arrivo dei Guardiani sul loro pianeta, e ancora Surrender di Cheap Trick come sottofondo ai titoli di coda.

Sempre del 2017 è anche Spider-Man: Homecoming, film in cui troviamo Can’t You Hear Me Knocking dei Rolling Stones ad accompagnare l’entrata in scena del cattivo di turno, Vulture, e poi The Underdog della rock band indie Spoon nella scena in cui Peter Parker va a scuola; in seguito troviamo Blitzkrieg Bop dei Ramones nelle scene in cui il giovane Spider-Man testa i suoi poteri. In Thor: Ragnarok, sempre del 2017, troviamo invece The Immigrant Song dei Led Zeppelin, utilizzata nella penultima scena durante la quale il protagonista combatte contro un esercito di guerrieri.



Captain Marvel
, uscito a inizio anno. In questo film troviamo diversi omaggi ad alcune band, come i poster degli Smashing Pumpkins e dei Bush o la T-shirt dei Nine Inch Nails, indossata da Carol. Inoltre, qui le hit rock utilizzate sono davvero tantissime, a cominciare da Only Happy When It Rains dei Garbage, usata in una scena durante la quale una dei protagonisti, Carol, ruba una motocicletta da un tizio sessista che l’aveva importunata; si prosegue poi con Just a Girl dei No Doubt, usata in una scena di combattimento, Come As You Are dei Nirvana quando Carol viene catturata, Man on the Moon dei R.E.M. quando la protagonista finalmente torna dai suoi, e infine Celebrity Skin delle Hole, usata per sottolineare la grinta e l’energia dell’eroina del film.

Ma adesso concentriamoci sul presente, su Avengers: Endgame, campione di incassi e di “ineluttabilità” in cui la musica rock a cui siamo stati abituati in questi undici anni di Marvel Cinematic si intervalla con scene nelle quali è la musica d’orchestra di Alan Silvestri a dettare le emozioni e le situazioni dei personaggi. Dear Mr Fantastic dei Traffic è il primo pezzo che fa il suo ingresso nel cult, arriva ancora prima dell’inizio del film, nella sequenza in cui ci ricordano il brand americano promotore del prodotto cinematografico. È un brano il cui testo afferma “Fai qualcosa che ci possa portare via dall’oscurità. Sei l’unico in grado di farci ridere e di farci scoppiare in lacrime”, che sembra un vero e chiaro messaggio dei fan incollati alle proprie sedie rivolti verso Tony Stark, che ci ha abituati al suo umorismo, a volte spregiudicato, ma anche alla commozione, non nascondendo mai l’amore per la sua donna, che in questo film prevarrà più che nei precedenti. Supersonic Rocketship, The Kinks, questo pezzo inizia mentre Scott Lang sta cercando di mangiare e continuamentre Racoon e Hulk si avviano verso la Nuova Asgard. È la canzone ideale di accompagnamento in un viaggio poiché racconta di un futuro speranzoso, facendo riferimenti alla possibilità di viaggiare nel tempo, cosa che gli Avengers cercheranno di fare per provare a risolvere gli effetti devastanti dettati dallo schiocco di dita di Thanos col suo guanto con le gemme. É la volta di Doom and Gloom, The Rolling Stones, questo brano viene utilizzato in due casi, quando viene sancito il ritorno di Thor nel gruppo e prosegue quando Tony Stark chiama Rocket “Racket”. Come and Get Your Love, Redbone è il quarto brano del film e fa da colonna sonora ad una scena di grande divertimento e nostalgia contemporaneamente. Il pezzo inizia poco prima di introdurci nello scenario in cui si trovano Nebula e War Machine, impegnati a stare sulle tracce di Star- Lord. A concentrarcisi bene risulta evidente che si tratti della scena di apertura dei Guardiani della Galassia, ma vista da un’altra prospettiva. Ecco l’attesissimo cameo di Stan Lee, l’ultimo prima della sua morte, esaltato dal brano Hey Lawdy Mama, Steppenwolf, che arriva nel momento in cui Tony Stark e Steve Rogers falliscono la possibilità di recuperare il Tesseract nel 2012 e decidono di tornare nel 1970, anni esaltati dal sound di questo brano. Ultimo brano del film è It’s Been a Long, Long Time – Harry James and His Orchestra. “E’ passato tanto tempo” è la frase che Capitan America pronuncia alla prima vista di Peggy Carter, amata che ha deciso di rincontrare sfruttando i viaggi nel tempo, per decidendo di vivere con lei il resto dei propri giorni. Perché se c’è una cosa che i supereroi marveliani ci insegnano è che neanche il lavoro di salvatori del mondo, o di vendicatori delle ingiustizie, potrà mai mettere da parte i sentimenti.