Home Live Report Fabrizio Moro live sul vulcano di San Venanzo – “La mia voce tour 2022”

Fabrizio Moro live sul vulcano di San Venanzo – “La mia voce tour 2022”

by Serena Di Mambro

La Mia voce tour” di Fabrizio Moro approda a San Venanzo, nella suggestiva location bucolica del parco vulcanologico del ternano. 

Ci sono tutti gli ingredienti per un grande show ed il cantautore romano non delude le aspettative. 


L’eterogenea platea che affolla il parco viene rapita ed arringata fin da subito dal Moro, che porta sul palco la sua vita, la sua lunga storia. La storia di uno che, nonostante le difficoltà, ce l’ha fatta. 
La band che lo accompagna è in formazione rock, essenziale, ma esplosiva: due chitarre, tastiere, basso e batteria ed è perfettamente allineata allo show ideato da Fabrizio. 

LIVE REPORT – 17/07/2022 Live@San Venanzo (Terni)


Il concerto si apre con la canzone che dà il titolo al tour (e all’ultimo album): La mia voce. Dalle prime note, il caloroso e copioso pubblico abbandona le seggiole predisposte dall’organizzazione, puntando dritto alla transenna e l’ordinato piano messo a punto dalla pro Loco, si trasforma in una curva da stadio (C’era però da aspettarselo, è da dire).

 D’altronde è speciale il rapporto che ha Fabrizio con il suo pubblico, spesso totale e totalizzante, attraverso canzoni per lo più autobiografiche, rabbiose, che allo stesso tempo fomentano e puntano dritte al cuore. 

Fabrizio_moro_carroponte_lorenzacalafati_ Foto di repertorio


Nemmeno un problema tecnico, nel bel mezzo del concerto, che investe le casse dell’impianto, compromette quest’empatia artista-pubblico. Anzi, Fabrizio imbraccia l’acustica e con l’ausilio del M Claudio Junior Bielli, esegue un paio di gioielli del suo repertorio: Il senso di ogni cosa che c’è e sono solo parole.

 Moro non batte ciglio, anzi, sta al gioco, diverte e, divertito, regala emozioni. Addirittura lascia decidere alla sorte se continuare il concerto in acustico o tornare alla scaletta in elettrico. 

È uno spettacolo su cui è evidente che Fabrizio ed i suoi abbiano lavorato sodo. Ciò nonostante il canovaccio cambia e può cambiare ed il cantautore è sempre all’altezza della situazione, anche quando tira l’aria di improvvisare.

Foto FABRIZIO MORO (© Pamela Rovaris) – foto di repertorio


In sostanza è uno spettacolo decisamente da non perdere, quello di Fabrizio Moro.
Non solo perché è un perfetto mix tra i suoi più grandi successi (Pensa, Portami via, Sei tu, Eppure mi hai cambiato la vita, Non mi avete fatto niente …) e chicche amate dagli “ultras del Moro” (Nun c’ho niente, figli di nessuno, Svegliati…), ma anche perché l’artista in questione, evidentemente conscio delle difficoltà incontrate lungo la strada che porta al successo, è in continua e costante crescita, sia nella profondità dei contenuti che nella performance live. 

Non perdetevelo! 

Leggi anche: “La mia voce” è il nuovo EP di Fabrizio Moro – Recensione

Potrebbe piacerti anche