Giulia Crescentini e il suo singolo d’esordio “Il freddo è uno stato mentale”

di InsideMusic

Il freddo è uno stato mentale” è il singolo d’esordio della cantautrice romana Giulia Crescentini, prodotto da Peppe Levanto e pubblicato dall’etichetta Gate 19.

Il brano è una canzone semplice, pura e sporca allo stesso tempo, che racconta l’inadeguatezza delle persone nei confronti della vita e delle relazioni.

Quando il vuoto si fa insostenibile, arriva il desiderio di fermare il mondo silenziandolo, perdendosi, mettendo in pausa la propria esistenza per poi ritrovarsi.

L’atmosfera onirica del brano, nel quale le ritmiche ipnotiche della chitarre segnano l’incapacità di reagire ad una vita che si ripete ciclicamente, fa da preludio ad un inciso che grida la sua voglia di fermare tutto, sottolineato dalle note di un pianoforte che arrivano come se fossero suonate dalle onde sul bagnasciuga di una spiaggia invernale.

“Il freddo è uno stato mentale ” è l’ultimo brano che ho scritto. Buttato giù durante il lockdown, nonostante io abbia continuato a lavorare in presenza, è nato nella mia camera da letto. Mentre scrivevo il brano sentivo tutta la sensazione di inadeguatezza, che ho vissuto per anni stando in mezzo alle persone, fluire nelle parole e nelle note. Mentre scrivevo cercavo di capire perché spesso ci facciamo male e in che modo.

La cosa buffa di questo pezzo è che quando è nato era pesante e solenne ma Peppe Levanto, produttore del brano, lo ha reso più colorato, più vitale, rendendo giustizia alla sua essenza.

Giulia Crescentini

Giulia Crescentini sin da piccola mostra amore e curiosità per la musica. Inizia a studiare canto all’età di dodici anni, appassionandosi a diversi generi musicali e tenendo nascosti testi e melodie per anni.

Nel 2010 l’incontro con il produttore Peppe Levanto e con la label Gate 19 le permettono di modellare la sua personalità artistica e affinare la sua identità vocale.

Giulia si inserisce a pieno diritto nella scena cantautorale romana, anche partecipando nel 2019 a Indie Estate, uno dei festival più frequentati dell’estate capitolina.

0

Potrebbe interessarti