Zucchero Fornaciari contro il talent “Amici” e lancia una frecciatina a Ligabue

Zucchero Fornaciari contro Amici.

Dopo l’esibizione e standing ovation a seguire in Piazza San Marco a Venezia con il suo tour europeo The best live, ha rilasciato numerose dichiarazioni forti, decise, nel suo stile.”È difficile pensare che rimanga qualcosa di quello che si ascolta o di quello che le radio propinano in questi ultimi tempi. Solo robaccia.” Il cantante sottolinea che la musica oggi è assente non solo in Italia, anche in America è tutto omologato, i testi inglesi si dimostrano i peggiori: “Noi italiani siamo superpoeti. Non c’è una canzone in inglese che parla di cose serie. Solo I miss you, I need you. Che palle!”

A 62 anni, e con il suo curriculum, può permettersi di togliersi qualche sassolino dalla scarpa: è reduce da circa 160 concerti in giro per il mondo e sta per andare al British Summer Time Festival di Londra con Eric Clapton, Carlos Santana e Stevie Winwood

Fornaciari ha osservato che le radio, i media, le case discografiche stanno educando in modo terribile le nuove generazioni, le stanno abituando alla basicità, all’assenza totale di ogni forma artistica: “Le case non firmano più per artisti che hanno bisogno di tempo per sfondare, per essere compresi. Firmano per queste porcate di talent show che vengono fuori dalla De Filippi. Siamo rovinati.”

Secondo Zucchero il Nabucco di Verdi, di questi tempi, passerebbe inosservato e oggi chi ha vero talento non sa dove andare a parare, gente come De Gregori, Battisti, Battiato, oggi non sarebbero mai esistiti. “Forse Ligabue sì, perché lui sta con i frati zappalorto. Ligabue coesiste con tutti”.

Sul fronte politico, Zucchero ha evidenziato che in Italia non è presente un personaggio che ha il carisma di Berlinguer, o di Moro o di Almirante, nonostante quest’ultimo fosse all’ opposto della sua ideologia. Adelmo crede fermamente nei musicisti ed ha sempre investito su di loro osservando maestri come Clapton, Beck, Charles, B.B.King: l’esperienza gli ha fatto comprendere che gli orpelli sono superflui, possono essere degli optional per gli artisti carenti artisticamente e che necessitano di effetti speciali.

Luca Ferri

Si appassiona alla musica sin da bambino, scoprendo la vena rock n roll alla tenera età di 8 anni folgorato dall’album EL DIABLO dei Litfiba e PARANOID dei BLACK SABBATH. Nel 2010, insieme a due amici, Alessio Mereu e Alessandro Cherubini fonda il LITFIBA CHANNEL che di li a poco diventerà la radio ufficiale della storica rock band di Piero Pelù e Ghigo Renzulli, all’interno della quale conduce il programma SOGNO RIBELLE scoprendo e intervistando insieme a GRAZIA PISTRITTO band come IL PAN DEL DIAVOLO, BLASTEMA, KUTSO, ILENIA VOLPE, METHARIA, FRANCESCO GUASTI, PAVIC, UROCK. Format portato anche in formato live organizzando serate di vera e propria musica live in alcuni locali di Roma. Nel 2017 dopo tre anni alla direzione di una webzine, decide di fondare e dar vita a INSIDE MUSIC insieme alla socia MARTA CROCE.

2018-07-07T11:41:33+00:00 7 luglio 2018|News|0 Commenti