Vincitore dell’ultima edizione del Festival di Sanremo tra le Nuove Proposte, si è esibito anche sul palco del Primo Maggio a Roma, Niccolò Moriconi, alias Ultimo, è certamente una delle rivelazioni musicali di questo 2018. Il suo tour nei club, partito il 4 maggio da Bologna, ha ottenuto un sold out dopo l’altro e anche a Napoli ha fatto registrare il tutto esaurito, con i fan del giovanissimo cantautore romano, per lo più adolescenti, che hanno iniziato ad affollare la Casa della Musica dal primo pomeriggio.

Il concerto inizia puntuale alle 21, quando sul palcoscenico la band accenna le prime note di “Buon viaggio”, traccia d’apertura del nuovo disco: Ultimo entra a metà brano in compagnia di un paio di occhiali da sole. Tre pezzi tutto d’un fiato, poi Niccolò sveste gli occhiali e saluta il suo pubblico che ricambia con un fortissimo boato. La scaletta regala subito “Pianeti”, title track del suo primo disco, durante la quale la location si trasforma letteralmente in una pioggia di smartphone. “Ora arriva il momento che preferisco”, rivela il cantautore: la musica si ferma, ma solo per posizionare un pianoforte al centro della scena, ed i musicisti lasciano Ultimo da solo al suo strumento per l’esecuzione di alcuni brani piano e voce.

Nella mia vita ho fatto solo musica, sapevo che avrei rischiato di non trovarmi di fronte duemila persone, ma ho comunque inseguito quello che il mio sogno. Non fermatevi di fronte alle difficoltà, perseguite il vostro obiettivo con le vostre forze!”, Niccolò si confida con i suoi fan ed introduce il brano che lo ha reso famoso, vincitore tra le Nuove Proposte della scorsa edizione del Festival di Sanremo – “Il ballo delle incertezze” – cantato a squarciagola da tutti i presenti in sala. Intanto lo spettacolo va avanti ed il cantautore fa anche salire sul palco due giovanissimi ragazzi della prima fila che hanno raggiunto il locale sin dalle primissime ore del mattino.

A questo punto ecco quello che probabilmente è il momento più toccante dello show: “Napoli è la mia seconda città!”, esclama Niccolò prima di accomodarsi nuovamente al pianoforte per omaggiare Pino Daniele con una cover di “Napule è”. Dopo aver eseguito un medley di alcuni pezzi del suo album d’esordio, Ultimo presenta i componenti della band, saluta e ringrazia il pubblico: “Da quando ero bambino solo un obiettivo, dalla parte degli ultimi per sentirmi primo“, intona nel suo successo “Sogni appesi”. Niccolò ed i musicisti abbandonano la scena per qualche minuto, salvo poi riprendere le proprie postazioni per il gran finale: “Accendete tutte le luci che avete, illuminate la Casa della Musica”, così il cantautore invita i presenti ad attivare le torce dei telefoni cellulari durante il pezzo conclusivo del concerto, l’attesissima “Peter Pan”.

Ennesimo sold out per Ultimo che, nonostante i numerosi traguardi, resta con i piedi piantati per terra, senza mai dimenticare le sue umili origini: Niccolò ce l’ha fatta, nonostante le mille avversità, e a novembre porterà la sua miscela di hip hop e cantautorato anche sui prestigiosi palcoscenici del Palalottomatica di Roma e del Forum di Milano.

 

Setlist:

Buon viaggio

Canzone stupida

Cascare nei tuoi occhi

Ovunque tu sia

Poesia senza veli

Dove il mare finisce

Pianeti

Domenica

Mille universi

La stella più fragile dell’universo

Farfalla bianca

ll ballo delle incertezze

Vorrei soltanto amarti

Ti dedico il silenzio

Stasera

L’eleganza delle stelle

Forse dormirai

Napule è (Pino Daniele cover)

Sabbia/La storia di un uomo/Wendy

Giusy

Sogni appesi

Peter Pan

 

Live report a cura di Lorenzo Scuotto

Photogallery a cura di Alessia Giallonardo