TOMMASO DI GIULIO: “Anche Basta” è il nuovo singolo

di Redazione Web

Tommaso Di Giulio, cantautore romano, ha pubblicato, il 10 maggio, “Anche Basta” per Flamingo Management.

Il brano racconta la difficoltà nel porre fine a una relazione tossica nonostante la consapevolezza di quanto piano piano ci stia distruggendo.

Tommaso Di Giulio, che ha realizzato collaborazioni di spicco nella sua carriera come Max Gazzè, dipinge un rapporto impari di cui il protagonista è conscio. Ogni proposito di rivalsa sembra trasformarsi in una ritirata balbuziente ma un finale aperto accende una piccola scintilla di speranza.

“Anche Basta” è una canzone ballabile, animata da un ritmo funk-soul, sospinta da un’orchestrazione di fiati che esprime solarità giocando in contrasto con la malinconia del testo.

Il risultato è una lotta continua tra frustrazione e voglia di cambiare. Alla fine però si rimane con il quesito su chi l’avrà vinta.

Tommaso di Giulio sulla canzone afferma:

“Anche basta” è uno sfogo, un lamento, un’epifania. È una di quelle prese di coscienza che non si è certi di voler portare fino in fondo. In che si traduce? In una fotografia di un dolceamaro stallo alla messicana, una canzone scritta quando me la prendevo più con me stesso che con la persona che mi stava vampirizzando l’esistenza. Perché se sto male non mi tiro fuori da questo loop malsano? È una domanda che almeno una volta nella vita ci siamo fatti tutti…

Siccome i contrasti e le contraddizioni sono tra le cose che mi interessano di più in musica e nella quotidianità anche questa canzone mette insieme ingredienti che generalmente reagiscono come quando si mescolano l’olio e l’acqua. Però, hai visto mai, alcuni esperimenti danno risultati sorprendenti.

BIOGRAFIA:

Tommaso Di Giulio nasce a Roma nell’agosto del 1986. Si occupa da oltre vent’anni di musica, cinema, arti visive e traiettorie interdisciplinari dell’immaginario popolare.

Dal 2008 lavora come autore e sceneggiatore per TV2000, Rai, Sky Arte, Nexo Digital, Zecchino D’Oro, Fremantle, Mediaset, Discovery Channel.

Nel 2013, dopo l’autoproduzione “Tutto il male vien per nuocere” (disco del mese per Federico Guglielmi su Il Mucchio Selvaggio), pubblica il suo album d’esordio “Per Fortuna Dormo Poco” (Universal).

L’album è accolto con calore dalla critica (si parla di “pop cinematografico”) e dal pubblico, che continuerà a crescere nel corso di un tour che ha contato oltre 80 date.

Tra un concerto e l’altro del “Per fortuna dormo poco tour” ha l’occasione di suonare in numerosi festival e aprire per numerosi artisti come Franco Battiato, Francesco De Gregori, Pino Daniele, Afterhours, Max Gazze’, Brunori SAS, Marta Sui Tubi, Marlene Kuntz, Mannarino, Dente.

Nel 2014 viene eletto “artista della settimana” per “Mtv New Generation” con il videoclip di “Voglio Un Monitor”, già vincitore del premio “Miglior Video” al Corti&Cigarettes Festival.

Nel 2015 esce il suo secondo disco dal titolo “L’ora Solare” (Believe, Leave, Artist First) curato artisticamente insieme al musicista Francesco Forni, a cui collaborano numerosi ospiti come Enrico Gabrielli, Roberto Angelini, Giorgio Baldi, Ilaria Graziano, Fabio Rondanini, Andrea Ruggiero e Gabriele Lazzarotti.

Nello stesso anno esce “Disordine d’Aprile”, brano scritto da Tommaso Di Giulio e cantato in duetto con Max Gazzè, che fa parte del disco di quest’ultimo “Maximilian”.

Nell’estate 2017 è stato invitato dallo stesso Max Gazzè ad esibirsi insieme a lui durante alcuni dei suoi concerti estivi.

Tommaso Di Giulio è anche autore per altri cantanti (Marina Rei, Yuman, Orchestra di Tor Pignattara) e interpreti e compositore di colonne sonore (ad oggi più di 30 per teatro, cinema e audiovisivi) e da due anni suona dal vivo la colonna sonora da lui composta di Dieci Storie Proprio

Nel 2018 esce “Lingue”, il suo terzo disco (Sugar, Leave), dedicato al rapporto con il album viene presentato nel corso di un lungo tour che, nella sua dimensione estiva, gli permette di esibirsi in alcuni importanti festival italiani.

Nel 2020 fonda una band, i Caltiki: una miscela di garage-rock, psichedelia e sixties beat all’italiana.

Con il trio, in cui è cantante, bassista e autore, nel 2021 pubblica “Amazzoni” (Area Pirata, Manatee Man Records), un concept album rock con dieci canzoni per altrettanti nomi di donne.

Ha inoltre scritto il brano “Ora e qui” che l’artista Yuman ha presentato a Sanremo nel 2022

Il 2024 lo vede nuovamente in veste di cantautore con l’album “Dinosauri”: un album che parla di crescita, evoluzione e amicizia.

0

Potrebbe interessarti