The Kolors – Summer Tour 2019 a Rivisondoli [Live Report]

di Tamara Santoro
Ieri sera Stash e la sua band si sono esibiti dal vivo in Piazzale Michelangelo a Rivisondoli. Noi c’eravamo.

Si sono lasciati desiderare per più di mezz’ora da più di 2000 persone che li aspettavano prima di salire sul palco. Come l’hanno fatto capire? Con la loro emblematica entrata in scena con in sottofondo “We are The Kolors”.

Un’ora e mezza circa di live con un repertorio ricco di sorprese e vecchie cover già presentate durante il loro viaggio ad Amici. Troppo spesso però gli artisti che escono dai talent vengono eclissati oppure sopravvalutati, nel caso dei The Kolors non gli è stata data la giusta importanza. Ma dal 2010 la band ne ha fatta di strada, sono cresciuti, maturati a livello musicale tanto da riuscire a spaziare tra canzoni romantiche, hit tutte da ballare e tormentoni estivi.

Stash con la sua voce potente, graffiante e unica nel suo genere riesce persino a permettersi di poter cantare Radio Gaga dei Queen e Notorious dei Duran Duran riuscendo a coinvolgere anche il pubblico di una certa età. E non solo. I classici della musica anni 80 erano cantati a squarciagola anche dai più giovani: Stash è riuscito a far conoscere alle nuove generazioni la storia della musica internazionale e a fargliela apprezzare. E menomale che dicevano fossero la solita boyband scadente.

Ma non è finita qui. Il viaggio ha poi proseguito negli anni 90 e poi nel biennio 2009/2010 con le canzoni conosciute solo ai veri intenditori del gruppo e alle numerose cover come Shout dei Tears for Fears o Il Mondo di Jimmy Fontana ma riarrangiata nella melodia e con l’aggiunta di una strofa di una celebre canzone dei Fun.

Ma non dimentichiamoci dei singoli usciti nel corso della loro carriera artistica come Everytime che li ha letteralmente lanciati nella mischia e che ancora oggi riscuote parecchio successo o Me Minus You durante la quale Stash non manca mai l’occasione per entrare in diretto contatto con il proprio pubblico. Letteralmente.

Insomma, sicuramente un concerto a cui andare almeno una volta nella vita, anche non conoscendo a memoria le canzoni c’è la certezza di essere coinvolti dal ritmo incredibile e dagli animali da palco che sono Stash e la sua band.

 

0

Potrebbe interessarti