Simone Cristicchi si è esibito ieri sera, domenica 19 maggio, dall’Auditorium Parco della Musica, Roma, qui la photogallery

Sul palco dell’Ariston Simone Cristicchi ha incantato pubblico e critica con il brano Abbi cura di me, che ha segnato il suo ritorno a Sanremo, sul palco che lo incoronò nel 2007, con Ti regalerò una rosaComincia da questa esperienza sanremese la sua nuova avventura live, partita proprio da Roma, lì dove tutto è cominciato, portando in giro il suo nuovo album – o meglio la sua raccolta di successi dal 2005 al 2019, che prende il nome proprio dal brano in concorso quest’anno.
“Abbi cura di me” è la prima raccolta di successi che Simone ha deciso di regalarci. Le 21 tracce identificative ci raccontano la sua cifra stilistica sempre coerente e credibile.
Sulla decisione di partire proprio dalla sua città Cristicchi ha affermato:

Questi concerti sono un modo per rivedere, rileggere, i brani dei miei quattro album, e rivestirli con un abito nuovo, alla luce anche di quello che è stato per me questo Sanremo. Sto scegliendo canzoni che mi assomigliano ancora, nonostante il tempo passato. Sono ormai sei anni che non suono nella mia città, ed è quindi bello ripartire lì dove è nato tutto. Ho cominciato a scrivere le mie canzoni proprio a Roma, sugli autobus e metropolitane, perché fino all’età di 24 anni non riuscivo a prendere la patente (venivo sempre bocciato all’esame di teoria), e quindi trascorrevo davvero lunghissimo tempo sui mezzi pubblici della capitale. Questo mi ha permesso di scrivere i primi testi, osservando i personaggi che popolavano le notti romane e gli autobus notturni, che ero costretto a prendere.

Foto di Domenico Cippitelli