Ritorna ROBOT festival, il festival della musica elettronica che  25 e 26 ottobre celebrerà l’undicesima edizione a Bologna, dando appuntamento alla Sala Maggiore (Ex GAM) a tutti gli appassionati. La novità di quest’anno sarà il DumBO, la rigenerazione culturale che ospiterà il pubblico della notte per danze a non finire.

Il  tema di ROBOT festival 11 è il #BlackBox. Il termine viene preso in prestito dalla cibernetica. Una scatola nera dai meccanismi neri opachi, di cui conosciamo gli input e output ma non il funzionamento.

Il primo giorno, il 25 ottobre, di ROBOT 11 avrà come protagonisti il produttore spagnolo John Talabot, il duo israeliano Red Axes, i set di Moxie, la dj e produttrice di San Paolo Badsista, il fondatore e resident del Salon Des Amateurs Tolouse Low Trax. Ad aprire la serata, l’esordiente Corgiat, vincitore della terza edizione dello Jaeger Music lab, e Filibalou di Mint Sound.

Il secondo giorno di ROBOT festival

Il secondo giorno di ROBOT vedrà alternarsi numerose esibizioni: Alessandro Cortini, menbro dei Nine Inch Nails, ma anche  Curses.
Poi ci Sarà Andrew Weathrall, produttore  in continua evoluzione, con dj talentuosi come l’eclettico olandese Interstellar Funk, o  Afrodeutsche e Batu, Label boss della Time dance Record.

E infine il closing party da DUMbo, evento musicale di inaugurazione dello spazio, la notte del 26 ottobre.

Arriva l’acid house dei 808 States, una première nazionale in esclusiva versione live. Sempre live, torna il trio in bilico tra cosmic jazz ed elettronica da club The Comet Is Coming.
Chiuderà la serata il dj e produttore romano Donato Dozzy con la sua selezione dalla dub alla techno più acida.

http://www.robotfestival.it/it/manifesto/: questo per entrare nel vivo della manifestazione. “…ascoltiamo musica e vediamo film che ci viene consigliati algoritmicamente, sulla base dei nostri ascolti e visioni passate, ma anche del “DNA musicale o visivo” di ciò che le piattaforme sanno di noi: ogni click, ogni play, ogni like è un interruttore che sposta pesi in algoritmi che ci pensano continuamente.”

http://www.robotfestival.it/it/biglietti/