Esce oggi “ZEROVSKIJ…solo per amore” ecco le parole di Renato Zero e tutti i testi del nuovo album!

In attesa di vederlo dal vivo su alcuni dei palchi più prestigiosi d’Italia, Renato Zero, torna con il nuovo doppio album di inediti “ZEROVSKIJ…solo per amore”, in uscita oggi, Venerdì 12 maggio, in tutti i negozi e digital store e anticipato dal singolo “Ti andrebbe di cambiare il mondo?”, attualmente in rotazione radiofonica e già disponibile su tutte le piattaforme digitali.

“Questo Album si è andato componendo parallelamente al percorso drammaturgico del progetto Zerovskij.

Una scrivania ed un pianoforte che si avvicendano amorevolmente. Condividendo medesime modalità di identificazione delle atmosfere ambientali, verbali e narrative che si sono andate sposando spontaneamente via via. Io testimone e celebrante di queste giuste nozze.

Speriamo siate ancora voi all’ascolto di queste pagine. Voi, chiamati questa volta ad indovinare un percorso non facile ed insolito per “il cantante”. Chi non cova sogni impossibili una volta o l’altra. Io mi sono messo sull’attenti in presenza di un’orchestra sinfonica e di un coro di così alto lignaggio. Ascoltatemi tutto d’un fiato che questo del 12 maggio è il mio debutto ufficiale nel “nuovo universo”.

Troverete inoltre belle collaborazioni: stagionate e perciò ancora più efficaci. La scrittura di partiture musicale e direzione d’orchestra impeccabile e superba, quella del Maestro Renato Serio. Il tocco magico sui tasti bianchi & neri di Stefano Senesi.

Suggerimenti e contributi preziosi da: Maurizio Fabrizio, Vincenzo Incenzo, Mariella Nava, Piero Pintucci, Gianluca Podio.

Interventi soavi da Fabrizio Bosso alla tromba. Gianluca Littera all’armonica a bocca, Paolo Costa al basso elettrico e Lele Melotti alla batteria. E poi la collaborazione di Adriano Pennino al pianoforte nonché all’arrangiamento e direzione d’orchestra nel brano: “Singoli”.

Assistenza tecnica e missaggi a cura di Maurizio Parafioriti. Supervisore ai missaggi ed alle registrazione del sottoscritto: Danilo Madonia.

Sono felice di aver concluso con soddisfazione la parte discografica di questo progetto. Adesso mi tocca il passo più impegnativo; convincere voi e il mio pubblico che le vostre aspettative non saranno deluse.

Buon coinvolgimento a tutti!”

Renato Zero
(per l’occasione, e solo per amore… Zerovskij)

Con queste parole Renato Zero ci ha presentato il suo nuovo album.

Di seguito la tracklist completa del doppio album:

Disco 1: “Infiniti treni (intro)”, “Mi trovi dentro te”, “Ti do i voli miei”, “Colpevoli”, “Vivo qui”, “L’amore che ti cambia”, “Dedicato a te”, “Aria di settembre”, “Singoli”.

Disco 2: “Ti andrebbe di cambiare il mondo?”, “Pazzamente amare”, “Gli angoli bui”, “Un uomo da niente”, “Il mio momento”, “Stalker”, “Putti & Cherubini S.P.A.”, “Ci fosse un’altra vita”, “Cara”, “Infiniti treni”.

Era il 1967 quando un allora diciassettenne Renato Zero pubblicava il suo primo 45 giri: “Non basta sai”/“In mezzo ai guai”. A distanza di 50 anni, Zero non smette di stupire e rinnovarsi, presentando al proprio pubblico progetti sempre innovativi e stimolanti e mantenendo il suo sguardo attento alla società attuale e al mondo che lo circonda.

Queste tutte le date confermate:

1, 2, 4, 5 e 6 luglio a IL CENTRALE LIVE – FORO ITALICO di ROMA;

29 luglio al TEATRO DEL SILENZIO di LAJATICO (PI);

1 e 2 settembre all’ARENA di VERONA;

7 e 9 settembre al TEATRO ANTICO di TAORMINA.

Ed ecco tutti i testi di “ZEROVSKIJ… solo per amore” e come scrive Renato Zero, buon coinvolgimento a tutti:

(Foto Roberto Rocco)

DISCO 1

 

  1. INFINITI TRENI (Intro)

(Renatozero / P.Pintucci / Renatozero)

 

  1. MI TROVI DENTRO TE

(Renatozero / M.Fabrizio)

 

È il tempo di saldare tutti i debiti

di chiederci che ci facciamo qui

tanto rumore e forse troppe chiacchiere

Perché non ci stringiamo un po’.

Romantici del mondo ritroviamoci

non solo per Natale se si può.

Né fiori né gioielli solo brividi.

Allora… possiamo amarci o no?

Lentamente.

Dolcemente.

Cuori in libertà.

Sangue nuovo nelle vene.

Più complicità… e chissà?

Mi trovi dentro te

appassionato sempre

più limpido di me

sono un perfetto amante.

Mi do completamente.

Mi trovi dentro te

curioso ed insistente

finché non dirai si

non mollerò un istante

sarò presente ovunque…

Mentiamo al tempo un’altra volta ancora.

Coraggio che anche questa notte vola!

 

Incatenati a questo folle vivere

nessuna scelta è tutto scritto già

troviamolo uno spazio per riflettere

rimpiango quella tua sincerità.

Mi trovi dentro te

non cancellarmi adesso

al buio non ci sto

rifiuto il compromesso

la verità comunque…

Mi trovi dentro te

finché ci sarà mondo

non chiedermi perché

il male è senza fondo

ossigeniamo i pensieri…

Mi trovi dentro te

in ogni circostanza

se muore una poesia

o nasce una speranza

io sarò lì d’incanto

Mi trovi dentro te

esprimi un desiderio

Io lo difenderò

intrepido guerriero

senza un progetto si muore… Si muore!

Si muore! Si muore!

 

  1. TI DO I VOLI MIEI
    (Renatozero / V.Incenzo / Renatozero / M.Fabrizio)

 

Buongiorno a te, umanità

quest’oggi che si fa

C’è guerra o no, io non lo so

Chissà a chi toccherà

Qui c’è da fare tanto

per la felicità

Per fabbricare incanto

di strada se ne fa

Chi ruberà chi ucciderà

chi un muro innalzerà.

Burattinai e falsi cortei

non son serviti mai.

Il mondo mi perdoni

se sono ancora qua

anima controvento

lungo questo viavai

di noia e mediocrità

Ti do i voli miei

Tutte le lacrime e le gioie che sai

Le mie emozioni le più inebrianti

E avanti… e avanti

Per te le mie verità

Perché il sole è bugiardo si sa

Il calore se arriva da te

È amore

 

Fragilità chi non ne ha

È lì che imparerai

L’idea di noi supereroi

È l’ultima eresia

Nessun sipario ancora

all’arte dei miei no

Perché il futuro è ora,

pioggia e vento per te

ancora sopporterò

Ti do sincerità

Le mie ferite curate da me

Le mie parole più vere e potenti

E avanti… e avanti

Qui soltanto qui

La passione ha deciso così

Tra le pieghe di un cuore finì

Per non appassire

Qui ci basta un sì

Per non morire

 

  1. COLPEVOLI
    (Renatozero / M.Fabrizio / Renatozero)

 

È già colpevole

Chi è troppo debole

Si lasci vivere

O si butti via.

Chi si accontenterà

Chi non s’impegnerà chi è assente.

Se è solo inerzia senza volontà

Se si pretende e non si dona mai

Senza sudore non si arriverà. Di certo!

Di tanti alibi che te ne fai

Se dietro quelli ti nasconderai…

Perché ti arriva il conto prima o poi…

attenti

Sei tu

Quell’uomo appeso a un sogno

Sei tu

Un’opera a metà

Sei un re

Difendilo il tuo regno

O te o nessuno

Il tuo destino te lo scrivi tu…

La legge è scomoda

Coinvolge l’anima

Fa ragionare

Troppo male fa…

Scoprirsi fragili

E vulnerabili… precari

Amali tutti quei talenti tuoi

Ma non dimenticare l’onestà

Mettili in piazza i sentimenti e poi… impara

Facciamo pure un po’ di pulizia

Vecchi rancori e quella gelosia…

Che questa vita ci condannerà o ci assolve.

Sei tu

Il giudice migliore

Tu sei

Ciò che dimostrerai

Sarai

Prima che padre un figlio.

Il tuo consiglio una medicina o un gesto di pietà

Un mondo statico

Che più non stimola

Cattivi esempi

Proprio a casa tua

È dura crescere

Se chi ti alleverà… ti mente.

Il bel paese non respira più

Si è fatto diffidente pure lui

Cera una volta e adesso non c’è più: rispetto!

Di più

Di un’anima sbiadita

Di più

Della banalità

Se dai un senso a questa vita

Se il fine è buono

La tua coscienza sì ti assolverà!

 

  1. VIVO QUI
    (Renatozero / M. Fabrizio)

 

L’anima di un uomo

Un dettaglio che contemplerei

Ciò che non si vede

Non desta l’interesse mai

Rilassati al caldo

Nella splendida immobilità

L’effimero è abbastanza

E qualche vizio se ci scapperà.

Vivo qui, accanto a te

Respiro e penso cercando un senso se c’è…

Vivo qui, intorno a te

Ma tu non mi guardi

Non sai che ti perdi non immagini

Quanto sia bello sano e umano perdersi in noi…

Fantasie proibite

Verità taciute e ambiguità

Dichiararsi al mondo

Detestati. Compatiti mai!

Vivo qui, insaziabile.

Né disincanto o ripensamento per me… Così…

Vivo qui

Mi adatterò

L’ho sempre detto: un buon piatto e un letto.

Questa è libertà.

È sempre bello sano e umano perdersi… e già.

 

  1. L’AMORE CHE TI CAMBIA
    (Renatozero / M.Fabrizio / Renatozero)

 

L’amore che ti cambia

Che cresce insieme a te

Presente in ogni tua domanda

In ogni dubbio c’è.

Lui che alimenta il sogno

Che accende i sensi tuoi

Non è infallibile

Non sempre muto complice lui è

Nuota nel tuo mare

gioisce e soffrirà

Avrai così da imparare

dalla sua complessità.

È forte l’attrazione

Irresistibile…

Attento a non sbagliare.

Che sia amore vero. Ascolta me!

Non siano sempre lacrime

Dolore e crudeltà.

Pazienza ce ne vuole tanta di pazienza.

Perdonare si che servirà.

Un brivido così non scorderai.

L’ho cercato tanto

Infondo agli occhi tuoi…

Solo la rabbia e rimpianto.

La tenerezza mai.

L’amore vince sempre

Se lo capissi tu

Combatteresti quel silenzio

e non lo lasceresti entrare più.

La vita che ti chiama.

Non la deluderei.

Senza amore

tu non presentarti senza amore

senza quella fiamma dentro te.

Che non si spenga quella voglia se c’è. Se c’è…

condividi questo raro dono

condividilo anche con me.

Magari una carezza, ma una violenza no.

Si può guarire dalla solitudine.

Giuro che si può.

 

  1. DEDICATO A TE
    (Renatozero / Caviri / Renatozero)

 

Dedicato a te

ai tuoi ma

e a tutti quanti i se…

Alle strategie

che userai

per i fini tuoi

Al significato che dai

a questo tuo esistere

vagamente sereno tu

sicuro che tu non vuoi di più.

Viaggia così

col fuoco che hai

Decidilo tu il percorso che vuoi

un gregario mai

Ovunque tu andrai

che si parli di te

Perché ognuno è

Perché ognuno può

se avrà fede in se

Viaggia così!!!

Dedicato a te

dove sei

qualunque faccia hai

Goffo oppure no

se tu piaci

o ti rinventerai

Quella meta è un punto laggiù

e chissà se poi ci arrivi tu

Ma non rinunciare ai tuoi guai

agli schiaffi che prenderai.

Avanti così.

Meglio prima che poi.

Occhi aperti direi

che i nemici lo sai

Non demordono mai

Estasiarsi si può

ma quelle polveri no!

Sconfiggila tu la malinconia

Fatti venire un’idea…

Viaggia così!!!

C’è tanto di più

di ciò che già hai.

In un giorno solo

immenso è il lavoro

che toccherà a te…

È toccato anche a me.

Via da quegli incubi via! Via!!!

 

  1. ARIA DI SETTEMBRE
    (Renatozero / M.Fabrizio / Renatozero)

 

Ecco che ritornerà settembre

Pigramente un’altra estate va

Dopo le aspettative della gente…

Si ritorna alla normalità

Chi ha raccolto e chi avrà perso amore

Chi tenta di recuperarne un po’

Chi cerca di smaltire quel dolore…

E chi la porta ha chiuso dietro se.

Il sole ci vuole… si muore se no…

Calore che ti avvolge.

È un’occasione sai. Tu coglila se puoi. Dai retta a me!

A te che ancora credi e che ti fidi beato te

A te che ti conosci e ti capisci

Non ti perdi un sogno e lasci un segno ovunque vai

Resta come sei

Non puoi cambiare mai… resisti!

L’avventura serve pure quella.

Soprattutto nella verde età…

Riprova riprova che ancora si può

C’è sempre una maniera

L’amore tu lo sai non si esaurisce mai

Riprova dai!!!

A te che avrai costanza tanta pazienza. Beato te!

A te che ti ribelli e non subisci…

A te che ami tanto e non sei stanco neanche un po’…

Resta come sei… non puoi cambiare mai!

Non cambiare mai. Tu non cambiare mai. Ti prego!!!

 

  1. SINGOLI
    (Renatozero / G.Podio / Renatozero)

 

Singoli

Non proprio angeli

Singoli

Mai consapevoli

Spazi vuoti che nessuno riempie mai

Per educazione o per vigliaccheria

Anonimi amanti…

Singoli

Per non confonderli

Singoli

Per non illuderli

Un’infinità di numeri ma poi

Quel telefono non squilla quasi mai

Conosci la gente

Si infila dovunque

E poi ti convince

Che per lei sei importante

Lei divora di tutto

Ma esigerà il tuo rispetto

E quando è stanca e annoiata

Ti sbatte fuori dal letto

Sei prevedibile gente

Così scontata anche tu

Che una volta raggiunto il tuo scopo

Non ti si vede più…

Un po’ di pace noi la meritiamo…

Quell’attenzione e un po’ di eternità.

Ma la realtà ci segue ovunque andiamo…

Contrabbandare un sogno perché no.

Singoli

Senza più vincoli

Guardaci

Ti sembriamo patetici

È l’inizio di un’ingiusta autonomia.

Un universo, una filosofia.

Quanta pazienza

Sapere aspettare

Che se una porta si chiude

Un’altra porta si apre

Che non è tutto perduto

Chiamarsi fuori è uno sbaglio

Perché a stare da soli

Ci vuole tanto coraggio

Come cambiare mestiere

O pronunciare quel no

Bloccare quel desiderio a un singolo

Non è permesso no

Di ogni passione noi ci contagiamo

Alla bugia ci consegniamo poi

Per noi conta il presente solamente

Perché il futuro singolo non è

I singoli hanno un cuore come te

Un premio per i singoli non c’è!

DISCO 2

 

  1. TI ANDREBBE DI CAMBIARE IL MONDO?
    (Renatozero / V.Incenzo / Renatozero / M.Fabrizio)

 

Non abbandonare i sogni se puoi

Dagli forza e consistenza e poi

Lascia siano loro a prenderti

A portarti un’altra volta via da qui

Questa vita è ormai malata lo sai

Violata e intossicata adesso anche lei

Sotto questi cieli lividi

Niente più carezze e brividi per noi

Ti andrebbe di cambiare il mondo con me

Di riprovarci un’altra volta io e te

Proprio come ieri noi così incoscienti

Curiosi ed intriganti inconcludenti mai…

giuro!

La nostra immagine più vera dov’è

Questo folle anonimato perché

Insopportabile l’idea

di subire

Questa ignoranza che ci vuole

Tutti uguali a lei

Non fa per noi

Era tutta un’altra storia lo so

È un nemico la memoria lo so

Il potere annebbia gli uomini

E il denaro certo non li sazierà

Ti andrebbe di fermare il tempo con me

Di ritrovare insieme un senso io e te

Una bicicletta un fiume e tanto azzurro

Qualcuno che ti aspetta

e ti rispetta c’è ancora?

La forza di un abbraccio dimmi ce l’hai

Di spendere ogni sano slancio che avrai

Si riparli di noi di tutti i nostri limiti

Magari a pezzi ma con tanta dignità…

noi siamo ancora qua!

 

  1. PAZZAMENTE AMARE
    (M.Nava)

 

Con amore

Che non basta mai

Di questo amore

Ti riempirai

Di tanto amore

Ti stordirai

Se mi ricambierai…

È solo amore

Se ci crederai

È tutto amore

Che respirerai

Testardo amore

Te ne sazierai

Ma non ti brucerai…

Perché è follia ogni volta

Con niente da spiegare

Niente da domandare

Nessuno da inquisire

E né da condannare

Perché è pazzia nell’aria

Niente da dimostrare

E niente da decidere

Perché non c’è colpevole

È solo un arrendevole

Bisogno di cadere

E tu che vuoi sapere

Da me che ho solo ancora

Voglia di abbracciare

E solamente dare

E pazzamente amare…

Con amore

Mi troverai

Ti giuro amore non mi perderai

È sacro amore

Che riceverai

Se tempo mi darai…

Perché è follia ogni volta

Con niente da spiegare

Niente da domandare nessuno da inquisire

E né da condannare

Perché è pazzia nell’aria

Niente da dimostrare

E niente da decidere

Perché non c’è colpevole

È solo un ingannevole

Bisogno di salire

E tu che vuoi capire

Da me che ho solo ancora

Voglia di morire

Confondermi provare

Ostinatamente amare

Perché non c’è colpevole

È solo un arrendevole

Bisogno di cadere

E tu che vuoi sapere

Da me che ho solo ancora

Voglia di abbracciare

E solamente dare

E pazzamente amare…

 

  1. GLI ANGOLI BUI
    (Renatozero / R.Serio / Renatozero)

 

In quegli angoli bui

In polverosi ballatoi

Sotto quelle soffitte

Ansie e gioie riposte gelosamente.

Latte e miele e bugie

Cavalcando le idee

Che nessuno immaginava

Perché in quei segreti nessuno entrava.

Un bagliore lassù

Tra ragnatele d’oblio

Un pianeta eri tu.

Stelle di stagnola ritagliate

Tra le mani un orso di peluche

Come se ascoltasse se capisse

Che saresti andata gioventù.

È li che ti cucivi le tue storie

Favole tradite andate ormai

Un mare d’impegno sudore e lavoro

Per far decollare quel piccolo aereo sù

Sogni di carta mai più

Mai più quella soffitta mai più

Anche l’anima c’è

Vuole cibo anche lei

Trascurarla non puoi.

Perché dentro di noi si è bambini sempre.

Torna ancora lassù

Tra ragnatele d’oblio

Un soldatino anche tu!

 

  1. UN UOMO DA NIENTE
    (Renatozero / M.Fabrizio / A.Tozzi)

 

Diffidare diffidare

Un principio basilare

Chi ti ama dice questo

Un consiglio così onesto…

Ma poi è tutta un’altra cosa

Quel tuo cuore non riposa e tu…

Ti apri un po’ di più

Si sta male a stare soli

Vagabondi quei pensieri

Vanno via cercando complicità…

Chissà

Dietro un sorriso chi c’è

Chissà

Chi mente e perché

Ti fidi e così…

È li che cadrai

Lui così fiero lui.

Lui un uomo da niente

Sei tu, tu che in silenzio morirai.

No non ti sottomettere

Guai se il tuo istinto si arrende

Guai se la violenza prevale guai!

Guai!

Più cautela ti conviene

È una guerra senza fine

Questi sessi inconcludenti

Fanno a pezzi i sentimenti

Ma chi ha fede poi non trema

Mai più un cuore alla catena e tu…

Respiri un po’ di più

Si stà male a stare soli

La fermezza non la impari

E che odiare aiuta, non direi.

Chissà

Se lui lo capirà

Se poi

Lui ti accarezzerà

Io spero di si

Un miracolo qui

Un uomo nuovo lui

Lui motivato e presente

So che tu in silenzio apprezzerai.

E che non accada più

Nemmeno un grido.

E che la violenza non festeggi più. Mai più.

 

  1. IL MIO MOMENTO
    (Renatozero / Caviri / Renatozero)

 

Se non posso avere te… ti sogno

E se non potrò incontrarti… impazzirò

È una legge dura che

Non risparmia neanche me…

Proprio io che ti avrei dato anche la Luna

Tutto questo amore mio… è uno sbaglio

Un lucchetto a questo cuore e così sia

Con me vivrai

Solo con me conoscerai la poesia

Basterebbe solo che

Ti voltassi verso me

Incontrassi questa mia disperazione.

Non ci sto

Non ci sto

Non mi dire che è questione di fortuna

Non ti legherò non devi aver paura

Dammi l’anima e non te ne pentirai

E pensare che c’è chi si perde

Chi non crede chi ha paura e invece io

Crolli il mondo sarò qua
Io e la mia caparbietà

Mentre aspetterò paziente il mio momento…

E se tu lo vorrai

Ti ricoprirò di vento e di passione

Ti addormenterai con me

Ti risveglierai con me

Sarai solo e sempre tu la mia canzone

Io si

Io si

Io m’impegnerò a servirti fedelmente

Certa gente non lo sa cosa si perde

A non vivere un momento di follia…

Resta qui

Resta qui

Contro tutte le più nere previsioni

Che l’amore lui non sentirà ragioni

Se lo escludi lui non ti ricercherà… Resta qui!!!

 

  1. STALKER
    (Renatozero / M.Fabrizio / Renatozero)

 

La verità ci ferirà

Ci umilierà e forse ci allontanerà…

Ma non si può mentire più

Talvolta è meglio un altro no che la pietà

È sempre lì la verità

Al centro esatto fra mistero e ipocrisia…

Comunque sia non sfuggirai

Lo specchio ti conosce molto bene lui

La verità qualunque sia

Con il sospetto salutiamo l’armonia

Che gioco è. Non è per me.

Chi può giurare chi è colpevole e perché.

Sincerità davanti e poi

Dietro le spalle tu dimostri ciò che sei

Sei stato mai felice tu?

Posso avere un po’ di pace intorno a me

Da una vita che mi osservi.

Puoi spogliarmi tanto ciò che troverai…

Sono gli slanci che tu non potrai provare

Forti emozioni e tante sane libertà.

Se non hai fegato potresti farti male…

Dove vai?

Resta lì… Non muoverti!!!

Sono così sono così

Non posso farci niente io sono così.

Che cosa vuoi con gli anni miei

Ascolto solo la coscienza tu lo sai.

Impazzirei se fossi te

Tutta una vita ad inseguire storie altrui…

Peccato che non amerai

Che per amare occorre un cuore che non hai…

Puoi incontrare i sentimenti se lo vuoi

Basta che non li spaventi

Che c’è tanto di quel mondo da scoprire intorno a te

Se con questi passeggeri ti confronti

Quanto vuoto dentro tu ti troverai

Ne passioni ne altre splendide visioni

Chi sei.

Se lo sai. Non ti ami più.

Chi sei.

Se lo sai. Non ti ami più.

 

  1. PUTTI & CHERUBINI S.P.A.
    (Renatozero / S.Senesi / Renatozero)

 

Ho gli occhi sempre accesi

Il cuore non dorme mai

A caccia di segreti

Com’è eccitante non sai

Qualunque sia il problema si prende e si va

Che per capire il mondo

Occorre essere là

Equipaggiato bene

Piove o c’è il sole non sai

Non puoi affidarti al caso

Scoppia un amore che fai

Intransigenti i miei clienti sulla puntualità

Anche se ho un’infinità di appuntamenti

Accontentarli tutti non è facile mai

Sarò all’altezza vedrai

Vedrai

Un po’ per vocazione un poco per arrotondare

Che ho accettato questa soluzione qua

Mi occupo delle persone sole

Putti & Cherubini S.P.A.
un impegno delicato

Occorre serietà

Dall’anziano al neonato

La strada che si fa

Pressappoco un angelo

Le ali ai piedi no

Ma se un cliente chiama

Volerò

Lavoro sul dolore

Specializzato in follia

Rimetto in sesto un’anima

Non so se ho reso l’idea

Tralascio i miei bisogni di occuparmi di me

Ho fatto la mia scelta

La mia crociata è

Sostienimi, comprendimi

Sarà più facile si

Sono speranze labili

Uomini soli così

Ci si sente più leggeri e un po’ più fieri chissà

Quando rimetti a nuovo un sentimento

Se contribuisci a quella felicità

Qualcosa si muoverà. Vedrai.
Il mio angelo è fuggito

Si è di colpo licenziato

Da quel giorno non l’ho visto più

Vivo senza protezione adesso

In balia del mio destino sto

So cosa vuol dire il buio

Certo che lo so

Che se sbaglio o mi ferisco

Un angelo non ho

Putti & Cherubini ora io lavoro là

La mia vita finalmente un senso avrà…

 

  1. CI FOSSE UN’ALTRA VITA
    (Renatozero / D.Madonia / Renatozero)

 

Ci fosse un’altra vita

Non ci rinuncerei

Con quello che ho imparato

Certo me la godrei

Niente limitazioni

False moralità

Libero come l’aria

Un uomo senza età

Ci fosse un’altra vita

Senza malinconia

Una festa infinita

D’amore d’allegria

Misurando ogni passo

Non sperperando energia

Ed arrivare in fondo

Senza cambiare idea

Non mi lascerei sedurre

Dai miraggi io

Nessuno si permetta di mentirmi

La diplomazia

Non a casa mia

Se tu non mi convinci

Resti fuori

Se ci fosse un’altra vita

Con il nome mio

Soltanto io

Al timone.
Ci fosse un’altra vita

Io mi scritturerei

In questa mia commedia

Amici vi vorrei

Vorrei non fosse un dramma

Ma una candida bugia

Un dolore immaginario

Che se ridi scappa via

Lasciami provare

A innamorarmi vita mia

Mi riuscisse di riconquistarti

Niente ostilità

Nessuna ipocrisia

Non sia più la noia a separarci

Sai che questo vivere

Impossibile non è

Se siamo

Io e te

Ci fosse un’altra vita

Cerca di essere là

Raccogliamo la sfida

In tutta libertà

Il tempo ci misura

Si cresce grazie a lui

Cerca di stare sveglio

Nelle vite che vivrai

Non ti stancare mai.

 

  1. CARA
    (Renatozero)

 

E tutta la mia vita come un treno corre via

Ritagli di giornale. Qualche foto e una bugia.

Aspettami stasera

Vedrai che arriverò

Ho l’anima leggera

Lo stesso slancio avrò.

Intanto la mia Luna

Ogni notte cambierà

Ma il mondo resta quello…

è fermo da un’eternità…

Aspettami stasera

Ho sempre novità

Ho una canzone nuova

Vedrai ti piacerà…

Talmente travolgente

Che t’innamora…

Cara

Davvero mi addolora

Saperti così sola

Io ti ho delusa… eh già!

Cara

Fermarsi è una parola

Che quando sei di scena

Tu non vorresti scendere mai più.

Nessuno ti potrà fermare più…
Uccidono ogni cosa

Ogni accenno alla poesia

Difficile sorridere alla morte vita mia.

M’impegno e non disdegno

Io conto su di te.

Che finché abbiamo un sogno…

un limite non c’è

per ogni mio dolore

sei tu la cura…

Cara

Un canto. Una bandiera

Così ostinata e fiera

Sei bella vita mia!

Ora

che l’ignoranza avanza

che conta l’apparenza

sei sempre tu che vinci…

Tu mi ispiri e mi costringi…

che farei…

Cara

Talvolta pure amara

Così lontana Cara

Vita comunque sia…

Immensamente mia!

 

  1. INFINITI TRENI
    (Renatozero / P.Pintucci / Renatozero)

 

Treni, treni, treni.

Le occasioni, sono treni.

Quanti treni, vuoti e pieni, vedrai.

Treni, treni, treni.

Un eterno andirivieni…

Non fermarti, finché treni ne hai!

Treni già partiti.

Treni, persi o ritrovati. Treni. Uh! Uh!

E su quei binari paralleli ci incontriamo così

Treni che

Vanno su e giù.

Decidi un treno, anche tu.

Treni a chi,

Non si rassegna così.

Treni per…

E treni da…

Treni per chi cambierà.

Treni sì,

Perché non sia tutto qui!

Quante storie trasportano i treni…

Treni pieni d’amori e illusioni…

Quanta vita che transita qui!

Che la stazione i treni li smista così…

Treni, treni, treni.

Coincidenze di destini.

Sono treni anche i pensieri, se vuoi.

Treni, anche i ricordi.

Treni quando tu ti perdi…

Treni… A volte sono una malattia!

Treni di soldati.

Di emigranti e disgraziati. Treni. Uh! Uh!

Per i pendolari ed i sicari.

E per chi non parte più.

Ecco… Le stazioni!

Occhi carichi di emozioni.

Un fischio… Il treno parte…

Basta un attimo soltanto,

E cambia la tua sorte.

Un attimo soltanto…

È un treno anche la morte!

Treno vai… Non fermarti, treno!

Porta via la mia voce… lontano… Lontano!

Voglio incontrare tutta l’umanità…

Chissà, se dentro una valigia, ci sta?

 

Luca Ferri

Si appassiona alla musica sin da bambino, scoprendo la vena rock n roll alla tenera età di 8 anni folgorato dall’album EL DIABLO dei Litfiba e PARANOID dei BLACK SABBATH. Nel 2010, insieme a due amici, Alessio Mereu e Alessandro Cherubini fonda il LITFIBA CHANNEL che di li a poco diventerà la radio ufficiale della storica rock band di Piero Pelù e Ghigo Renzulli, all’interno della quale conduce il programma SOGNO RIBELLE scoprendo e intervistando insieme a GRAZIA PISTRITTO band come IL PAN DEL DIAVOLO, BLASTEMA, KUTSO, ILENIA VOLPE, METHARIA, FRANCESCO GUASTI, PAVIC, UROCK. Format portato anche in formato live organizzando serate di vera e propria musica live in alcuni locali di Roma. Nel 2017 dopo tre anni alla direzione di una webzine, decide di fondare e dar vita a INSIDE MUSIC insieme alla socia MARTA CROCE.

2017-05-12T09:25:09+00:00 12 maggio 2017|News|0 Commenti