Punkreas: da InEquilibrio a Instabile, la recensione di un EP in due manches

Un Ep  in due episodi per i Punkreas.

I Punkreas ci regalano a distanza di mesi dall’uscita di “InEquilibrio”,  quella che rappresenta la chiusura del cerchio, ovvero  il secondo Ep “Instabile”,

La storica band che affonda le proprie origini nel punk italiano, con questo nuovo lavoro, offre una chiave di lettura al passo coi tempi a un genere che deve trovare spazio all’interno di una società musicale visibilmente cambiata nel tempo.

In che modo può oggigiorno sopravvivere il punk in un’Italia principalmente dominata dalla trap e dai nuovi generi che in maniera impellente insorgono? Già a partire dal primo brano di “Instabile” si intuisce che l’Ep sarà meno carico rispetto a “InEquilibrio”, pieno di energia e  aperta denuncia sociale (vedi brano U-Soli).

I Punkreas provano a rinnovarsi e lo fanno con brani che – in alcuni casi- si avvicinano più al pop rock che al punk. E’ il caso, ad esempio di “Marta“, brano introduttivo, con un testo interessante e moderno e una melodia orecchiabile.

punkreas instabile inequilibrio recensione

Il secondo brano dal titolo “Instabile” è invece un vero e proprio ritorno al punk in stile “Punkreas” con tutta la carica e la denuncia social-esistenziale a cui la band da sempre ci ha abituati. Certo, siamo ben distanti da brani quali “Acatoro” e “Il vicino” e pure da “Due Minuti di Odio”, track di chiusura del primo Ep “InEquilibrio”.

La carica eversiva di un tempo è indubbiamente rimasta, ma dal punto di vista strettamente musicale, si ricade in una certa ripetitività che – indubbiamente crea un interessante effetto nostalgia- senza però mai uscire fuori dai confini prestabiliti. “Baci al liceo” ci fa tornare nel passato facendoci sognare un po’. Sembra quasi di essere dentro al centro sociale a pogare, saltando e urlando con gli amici tra un bacio e un ballo scatenato. La citazione sull’amico Paletta è un cameo irresistibile.

Il featuring con Davide Toffolo dei T.A.R.M. dal titolo “La Verità”, oltre ad essere il singolo estratto è sicuramente il brano più riuscito dell’Ep. Bel riff, bell’arrangiamento e interessante anche il ritornello: il tutto unito a una denuncia sociale elegante, ma sentita.

monk radio sonica e big time

La Festa” chiude il lavoro con una certa rabbia e la voglia di dire la propria opinione, una voglia che a quanto pare non è mai passata a uno dei gruppi che ha consentito al punk di entrare a far parte della rotazione radiofonica italiana.

Sebbene esistano realtà più alternative e underground, in Italia “non c’è gusto ad essere intelligenti”, diceva qualcuno e quindi raggiungere una vasta fetta di pubblico per un genere che induce non solo a divertirsi, ma anche a un inevitabile riflessione e ragionamento, è già molto.

Grazie Punkreas!

Tracklist e artwork di Instabile e Inequilibrio (Garrincha Dischi e in collaborazione con Canapa Dischi)

1 Marta punkreas inequilibrio instabile recensione

2 Instabile

3 Baci al liceo

4 La Verità (feat. Davide Toffolo)

5 La festa

 

 

1 Fermati e respirapunkreas inequilibrio instabile recensione

2 Conto su di te

3 U-Soli

4 Inequilibrio

5 Due minuti di odio

2018-11-20T16:00:50+00:00 20 Novembre 2018|Recensioni|0 Commenti