Si chiamano Frigo e sono una band fiorentina che -nel 2018- è riuscita a portarsi a casa il Premio Tenco grazie a due brani che ora fanno parte del nuovo album dal titolo evocativo e interessante: Non Importa.

Le nove tracce contenute in questo lavoro prodotto da La Clinica Dischi viaggiano sui binari del pop-indie rimanendo strettamente legate a un tipo di cantautorato che spazia dalla più semplice canzone d’amore a rimandi filosofico-introspettivi, come accade nel brano numero 2 Via Dei Bardi.

I rimandi alla “nuova scena” sono molteplici. Difficile non pensare ai The Giornalisti o a Calcutta, mentre si schiaccia su Play. Discostandoci dai paragoni e rimanendo concentrati sull’ascolto è una gioia cogliere a livello contenutistico, la bellezza e importanza di un brano dedicato alla violenza sulle donne, dal titolo Leoni da Cortile.

frigo non importa recensione

Questo brano ha permesso ai Frigo di vincere un altro premio, molto speciale, chiamato Mai In Silenzio. La giuria composta da nomi quali Irene Grandi e Dario Brunori ha deciso di attribuire un valore a una canzone che -effettivamente- si rivela anche assai piacevole da ascoltare. Grazie a un Intro anni ’80 e un tiro avvincente, le parole di un testo profondo cantato attraverso un ritmo deciso si rivela un brano originale e forte:

Senti che musica che c’è
Ma qui nessuno balla
E i tuoi leoni aspettano
Distesi giù in cortile

Perdonami, perdonami, Perdonami, perdonami,
Se non ti ho detto che cos’ero e l’ho scoperto insieme a te
Perdonami, perdonami, Perdonami, perdonami,
Se non ti ho detto che cos’ero e l’ho scoperto insieme a te

Perdonami se sono qua senza niente da dirti
Ma sono stanco di cercarti in mezzo alle lenzuola
Quant’è difficile per me svegliarmi sempre uguale
E riconoscermi allo specchio da un particolare.

Soffermarsi sulle parole di un testo così pieno di spunti è necessario. La particolarità di questa canzone sta nel modo in cui il tema viene affrontato. La musica qui si fa veicolo per invitare tutti a una maggior introspezione. Il fine ultimo è quello di guardarsi dentro, di osservare bene cosa c’è nell’intimo di ognuno. “Perdonami, se  non ti ho detto cos’ero e l’ho scoperto insieme a te” è un concetto a cui nessuno pensa mai. Il male che -ahimè- si agita in maniera inevitabile nella natura umana. Quel male che nessuno pensa di avere in sè e che a volte sfocia senza apparente ragione. Esiste quindi un modo per estirparlo?

I Frigo possiedono la qualità innata di far convivere nel medesimo album brani di stampo allegro e brani di stampo più profondo senza annoiare o far calare l’attenzione.

La conta dei caffè e Le Casse chiudono il cd Non Importa in modo perfetto ben sposandosi all’intera atmosfera di un album che è pieno di emozioni conservati alle giuste temperature, come solo un frigo può fare e contenere.

Grazie Frigo per averci nutriti di musica e contenuti con il vostro Non Importa.

Dafne D’Angelo

TRACKLIST

01. Quando tu non ci sei
02. Via dei Bardi
03. Vento da maiali
04. Quando sono felice
05. Pamela
06. La gioia e l’ansia
07. Leoni da cortile
08. La conta dei caffè
09. Le casse