Mondo Marcio, al secolo Gian Marco Marcello, è fra i più influenti rapper italiani. E’ recentemente tornato in pista con Uomo!, ottavo album della discografia del conscious rapper.

Mondo Marcio, classe 1986, ha cominciato la sua carriera giovanissimo. A soli sedici anni vinse la sua prima battaglia di freestyle, e a diciassette aveva già abbastanza materiale per il primo disco: l’omonimo Mondo Marcio, prodotto da Bassi Maestro. Caratterizzato da un flow arrabbiato e malinconico allo stesso tempo, mostra già una grande maturità artistica.

L’ascesa al successo vera e propria, anche nei circuiti mainstream, si ebbe col successivo LP, del 2006: Solo un Uomo, trainato dal singolo Dentro a una Scatola, che descrive l’esperienza del sofferto divorzio dei genitori con tanto di presenza di assistenti sociali nella sua vita. L’album divenne in breve tempo disco di platino, tanto che venne registrata una versione rapcore – sull’onda dei Linkin Park, Limp Bizkit, e altre band nu-metal – di Dentro alla Scatola con i Finley. Generazione X, del 2008, uscì per Virgin Records (ultimo album con una major), che vede un duetto con Caparezza.

Successivamente, Mondo Marcio fondò la sua personale etichette discografica, la Mondo Records, tramite la quale ha pubblicato tutti i suoi lavori seguenti: In Cosa Credi, del 2008, che vede la collaborazione dei più influenti producer del mondo hip-hop,  e del 2010 Animale in Gabbia, album del quale Mondo Marcio dirà di essere “per la prima volta, pienamente soddisfatto”.

Ora, al 2019, è uscito Uomo!, che ricalca il titolo proprio di quel successo del 2006.

Nell’era dove l’immagine patinata di Photoshop fa da padrona, e dove il numero di like sotto alle nostre foto definisce il nostro stato sociale, “UOMO!” è una celebrazione della natura umana, unica anche per i suoi difetti , in “UOMO!” racconto anche la storia e la rivincita di un ragazzino che si è affacciato alla scena musicale quando aveva solo 16 anni e che ora ritorna con un album che meglio di qualsiasi altro racconta la maturazione da ragazzo, appunto, a uomo.

Presente anche Mina nell’album, nel duetto Angeli e Demoni (clicca qui per il video).

PH: Simona Luchini