Le 5 canzoni da ascoltare a Pasqua e Pasquetta

di Dalila Giglio

E anche il 2021 ci ha regalato una Pasqua e una Pasquetta in lockdown, privandoci di viaggi, gite fuori porta, grigliate o picnic sui prati e numerosissimi ritrovi familiari attorno a tavole imbandite a festa.

Come già accaduto in occasione delle ricorrenze invernali, rimane la musica a consolarci, a farci compagnia e a portare un po’ di atmosfera di festa nelle nostre case (per i più fortunati le seconde).

Sebbene in misura decisamente minore rispetto al Natale, anche la Pasqua è stata musicalmente celebrata da diversi artisti in pezzi molto differenti tra loro e non sempre connotati da atmosfere trascendenti e spirituali; ve ne suggeriamo 5, sperando che contribuiscano ad allietare le vostre giornate pasquali domestiche.

Easter – Patti Smith

La canzone -contenuta nell’omonimo album del 1978, dal quale è stata estratta la celeberrima “Because the night”– è una vera e propria poesia in musica, una meditazione personale, ed estremamente intima, sul giorno e sul significato della Pasqua.

East at Easter – Simple Minds

La rockband scozzese gioca con le parole in questo pezzo dall’aura mistica, un po’ new wave, perfetto da ascoltare in riva al mare al crepuscolo, in una di quelle giornate di primavera caratteristiche del periodo pasquale.

Easter? – Jefferson Airplane

Un brano molto polemico e critico nei confronti del cristianesimo, capace di far storcere il naso a molti quanto a contenuti, ma indubbiamente interessante e degno di nota.

Scalo a grado – Franco Battiato

Una canzone di 39 anni fa ma ancora attualissima, nella quale il Maestro descrivere gli atteggiamenti, purtroppo sovente intrisi d’ipocrisia, che i cristiani sono soliti a tenere durante il giorno di Pasqua, scandito da rituali e celebrazioni religiose.

Il testamento di Tito – Fabrizio De Andrè

Un brano che, come chi lo canta, non ha bisogno di presentazioni, in cui Faber-che lo considerava il suo pezzo più importante- passa in rassegna i “Dieci Comandamenti” dal punto di vista del ladrone crocifisso alla destra di Gesù il quale, morendo esattamente come Cristo, scopre e comprende, infine, il significato della parola “amore”.

0

Potrebbe interessarti