Il 10 luglio sulla spiaggia di Riminiterme si è tenuto il Jova Beach Party, la grande festa sulla spiaggia organizzata da Jovanotti.

La seconda tappa del Jova Beach Party non era partita a gonfie vele: due sono stati i problemi che hanno fatto pensare ad un eventuale annullamento dell’evento.

Dalla mattina di mercoledì 10 luglio le piogge sembravano non volersi arrestare; a causa del maltempo l’apertura dei cancelli è slittata alle 15, un’ora dopo l’orario previsto. Fortunatamente il sole è uscito proprio quando sono iniziati i DJ set degli ospiti, e di pioggia neanche l’ombra.

C’era stato inoltre un esposto da parte degli ambientalisti che chiedevano l’annullamento o lo spostamento del party: la tappa a Rimini era stata organizzata nella casa dei quattro pulcini di fratino, una specie protetta di uccelli che vivevano proprio nell’area adibita al concerto e che rischiavano di rimanere schiacciati dalla folla.

Nonostante i due inconvenienti la grande festa nella spiaggia di Rimini è stata portata a termine con ottimi risultati.

Gli ospiti del Jova Beach Party

Dalle 16 alle 20:30 sui diversi palchi si sono alternati i vari ospiti scelti da Lorenzo per la tappa in riviera, tra cui Dj Ralf, i riminesi del Duo Bucolico e gli Ackeejuice Rockers.

Tra un DJ set e un altro si poteva partecipare ai giochi organizzati dagli sponsor, bere e mangiare agli stand gastronomici con chef stellati e fino alle 20:30 è stato possibile fare il bagno: a quell’ora è scattato il divieto di balneazione.

Jovanotti ha omaggiato la riviera cantando il suo inno, Romagna Mia, suonato dall’Orchestra Grande Evento di Moreno il Biondo, icona romagnola di liscio della scuola di Secondo Casadei, e ballato da Christian Ermeti ed Elisa Fuchi, campioni del mondo di ballo folk.

Alle 18 circa Lorenzo ha celebrato il matrimonio di Erika e Igor, due ragazzi di Carpi che la mattina avevano già pronunciato il loro in Comune. La coppia era stata sorteggiata tra le tante che avevano fatto la richiesta di essere sposati dal cantautore durante la festa in spiaggia.

Il concerto di Jovanotti

Il concerto/DJ set di Lorenzo è iniziato alle 20:30 ed è stato energia pura. Per esattamente tre ore non si è fermato un secondo: ha ballato, cantato e saltato sul palco per intrattenere i 40mila presenti con una naturalezza e una vivacità davvero impressionante.

Alle 21:30 circa Jovanotti ha presentato l’ospite della serata, Luca Carboni, con il quale ha duettato sulle note dei brani Mare Mare e Fisico Bestiale.

Insieme hanno ricordato il grande Lucio Dalla e il suo amore per la riviera; con un dolce arrangiamento al pianoforte hanno cantato 4 marzo 1943.

Dopo aver salutato Carboni, Jovanotti ha continuato a far divertire il pubblico sia con i suoi brani più vecchi come Tanto Tanto Tanto, Ragazzo Fortunato, Bella, L’ombelico del mondo, sia con i brani dell’ultimo album come Nuova Era, ma anche con quelli pubblicati negli ultimi anni come Oh Vita, Estate, Il più grande spettacolo dopo il Big Bang.

Il concerto di Jovanotti è stata una festa durata 8 ore, dove la noia non era contemplata e il divertimento era la regola principale da rispettare.

Durante il Jova Beach Party è stata eliminata qualunque distinzione di età, sesso e nazionalità. Adulti, ragazzi e bambini, maschi e femmine, italiani e stranieri: tutti facevano parte di un’unica grande compagnia, i cui membri erano accomunati dall’amore per la musica e dalla voglia di passare insieme una bella serata.

A prescindere dai gusti personali bisogna riconoscere che Jovanotti abbia avuto un’idea geniale e che sia stato coraggioso a rischiare, organizzando un concerto nei lidi italiani, cosa che non era mai stata fatta prima.

Domani Jovanotti è atteso dai fan a Castel Volturno (provincia di Caserta) nella Spiaggia Lido Fiore Flava Beach per la terza tappa del suo tour nelle spiagge, che lo terrà occupato fino a fine agosto.

Live report a cura di Claudia Pasquini