It’s Right, l’esordio di Gennaro Ferraro

di Raffaele Calvanese

Il jazz è recentemente tornato in voga nel grande pubblico anche grazie alla celebrazione del film Soul di Disney. Nel nostro paese non mancano grandi musicisti e jazzisti di rilievo internazionale.

Nel solco di questa tradizione si inserisce l’esordio di Gennaro Ferraro, trombettista originario di Pompei ma salernitano d’adozione.

It’s Right è il suo album d’esordio in cui si mescolano le influenze nobili derivanti da Miles Davis e Chet Baker senza però dimenticare di rinfrescare il proprio sound con contaminazioni blues, swing e bossanova. L’esordio del musicista campano vede la collaborazione di tanti artisti ed musicisti di valore come Mario Nappi al pianoforte, Daniela de Mattia alla voce, Corrado Cirillo al contrabbasso e Luca Mignano alla batteria. A supporto della produzione dell’album, ci sono anche: Vincenzo Siani della Trees music Studio per i mix ed i mastering; Eleonora Ferolla per le fotografie; Carla Biancorrosso per le grafiche.

It’s right racchiude in meno di quaranta minuti gli omaggi ai padri nobili della musica jazz ed anche due brani inediti composti da Gennaro Ferraro. Oltre ad omaggiare artisti come Freddie Hubbard, Miles Davis, Benny Golson, Nash&Weill, sono inserite le canzoni originali Lullaby e Theme for Daniela. Il primo brano in cui l’autore cerca di esprimere una personalissima ninna nanna, dedicata alla cantante jazz Daniela de Mattia, compagna dell’autore, ma anche a tutte quelle persone che trovano serenità “a casa”. Il secondo brano invece è una ballata dal suono più caldo e soleggiato, una canzone che prende a piene mani dalla tradizione bossanova, allargando il concetto di sud del mondo applicato al jazz.

L’esordio di Gennaro Ferraro pare solido e strutturato, con radici solide, lascia la curiosità di ascoltare nuove composizioni inedite capaci di farci apprezzare a pieno tutti i colori presenti nella tavolozza musicale del jazzista salernitano.

1

Potrebbe interessarti