I nostri dischi da salvare in questo anno 2020 da buttare

di InsideMusic

Il 2020 è stato un anno molto difficile, anche per il settore musicale. La battuta d’arresto subita da tutto lo spettacolo ha rischiato di inaridire anche il prolifico fiume della musica, che mai come in questo anno ha dovuto faticare per farsi sentire.

Nonostante questo scoraggiante contesto, la musica ha trovato ancora una volta in se stessa la propria ancora di salvezza ed anziché farsi schiacciare dal peso degli eventi, ha continuato a fluire.

Così, se di questo 2020 butteremmo più o meno tutto, forse le uniche cose da salvare saranno proprio quelle canzoni, quegli album, quegli EP, che sono spuntati come fiori dal cemento, in questa annata tra le più grigie di sempre.

Per questa particolare playlist di fine anno, abbiamo deciso di partire proprio dalle preferenze della nostra redazione a stilare un elenco di album, che sono riusciti, più o meno, a farci pensare che in questo 2020 ci sia qualcosa da salvare.

I nostri dischi da salvare, in ordine sparso.

We are Chaos (Album) di Marilyn Manson – Scelto da Luca Ferri

Forever (Album) di Francesco Bianconi – Scelto da Leslie Fadlon

Letter to you (Album) di Bruce Springsteen – Scelto da Arianna Orlando

Tilt (Album) di Pino Marino – Scelto da Alessia Andreon

Ordinary Man (Album) di Ozzy Osbourne – Scelto da Dalila Giglio

Folklore (Album) di Taylor Swift – Scelto da Giorgia Bacis

I Mortali (Album) di Colapescedimartino – Scelto da Paola Pagni

Such pretty for forks in the road (Album) di Alanis Morrisette – Scelto da Giusy Chiumenti

Canzoni d’amore nascoste (Album) di Fabrizio Moro – Scelto da Adriana Santovito

0

Potrebbe interessarti