I Maneskin al Palapartenope di Napoli: tutt’altro che zitti e buoni

di Giusy

Dopo il successo mondiale che ha raggiunto l’apice con il tour negli States, i “figliol prodighi” Maneskin sono ritornati in Italia per una serie di tappe (tutte rigorosamente sold out!) per sugellare la promessa che fecero prima di tutto a se stessi in quel lontano 2016.
Tornati sì, ma per poco: c’è pur sempre un nuovo World Tour fresco di annuncio da affrontare, il quale li vedrà protagonisti indiscussi da New York a Vancouver e poi, ancora, da Città del Messico a Dublino, fino a tornare in Italia con le date annunciate negli stadi in programma per l’estate 2023.

Live Report Maneskin a Napoli – 29 Marzo 2023

La seconda data napoletana dei Maneskin comincia col botto, i primi istanti dello show vedono la sagoma dei quattro musicisti proiettata su un gigantesco sipario rosso che tiene ben occultato il palco fino al momento in cui il telone cadrà: da qui in avanti sarà energia pura, che toglierà il fiato alle migliaia di teste che li acclamano dalla platea. Si comincia con una sequenza iper-magnetica composta da Don’t Wanna Sleep, Gossip e Zitti E Buoni. Il pubblico è già incontenibile e gli assoli di Thomas, oltre a far salire di giri ulteriormente quel motore ben oliato che sono già diventati palco e parterre, restituisce subito la misura esatta di che stoffa è fatto questo fantastico chitarrista.

Dopo una drastica partenza, si giunge poi a un momento agrodolce sulle note di Coraline, momento in cui il pubblico si divide in due tipi di persone: quelli che si affrettano ad afferrare il cellulare e quelli che tirano fuori i fazzoletti preparati per l’occasione.

Asciugate le lacrime, lo spettacolo dei Maneskin riparte a ritmo serrato sulle note di Bla Bla Bla, momento che contrassegnerà il turnover del “surf sulla folla” per Damiano, Victoria e Thomas: si avvicinano alle transenne, gettandosi in mezzo alla folla, per suonare e farsi trasportare.

Nel corso dello show c’è spazio anche per una parentesi acustica, eseguita su un piccolo palco speculare a quello principale, situato nei pressi della tribuna centrale. Qui, Damiano e Thomas, si esibiscono nei brani Torna a casa e Vent’anni.

A chiusura di uno show così completo e suonato in maniera convincente, degno dei migliori interpreti internazionali, c’è la frenetica I Wanna Be Your Slave, seguita da una Kool Kids, la cui performance prevede che una ventina di fans scelti dalle prime file salga sul palco insieme al quartetto per festeggiare.

Dopo la breve pausa canonica, il quartetto dei Maneskin fa ritorno sul palco, aprendo ufficialmente la sezione bis con un assolo di chitarra di Thomas che condurrà fino alle note di The Loneliest, che, dopo un picco di intensità emotiva, si risolverà nuovamente sulle note di I Wanna Be Your Slave, chiudendo ufficialmente le due ore di strepitoso live.

Scaletta Napoli

  • Don’t Wanna Sleep
  • Gossip
  • Zitti E Buoni
  • Own My Mind
  • Supermodel
  • Coraline
  • Baby Said
  • Bla Bla Bla
  • In Nome Del Padre
  • Beggin’
  • Timezone
  • For Your Love
  • Gasoline
  • Torna A Casa
  • Vent’Anni
  • Amandoti
  • I Wanna Be Your Slave
  • La Fine
  • Feel
  • Mark Chapman
  • Mammamia
  • Kool Kids
  • The Loneliest
  • I Wanna Be Your Slave
0

Potrebbe interessarti