Frah Quintale al Concertone: “Sicurezza sul lavoro è poter lavorare in serenità!”

di InsideMusic

Un altro gradito ospite di questa giornata da backstage è Frah Quintale, fenomeno del momento, reduce da un successone col suo album di esordio da solista “Regardez Moi” e in pieno tour con date che raggiungono o comunque sfiorano costantemente il sold out. Francesco è un rapper bresciano, prima in duo con i Fratelli Quintale e adesso prestato alla trap in solitaria. Parliamo brevemente con lui di lavoro e di futuro.

Ciao Francesco, come si colloca il tuo lavoro in questo momento storico di crisi in ogni settore? Cosa intendi per sicurezza sul lavoro?
Per me fare questo lavoro è una fortuna ma c’è dietro tanta dedizione. Per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro invece deve significare poter lavorare in serenità: essere sereni e soddisfatti quando si va a lavoro è prioritario.

Quest’oggi in piazza San Giovanni non ci saranno “8 miliardi di persone”, ma in ogni caso c’è tantissima gente. Ti saresti mai aspettato di esibirti qui?
Ci ho sempre un po’ sperato in realtà. Il Concertone l’ho sempre seguito da casa, e sono contento da esserci ovviamente.

Dal 2016 hai deciso di intraprendere un progetto solista, affiancato dal produttore Ceri. In futuro avremo la possibilità di rivedere i Fratelli Quintale?
“Never say never”

Oggi si parla di lavoro, e – a nostro parere – la musica è lavoro. Cosa diresti a tutti coloro che ritengono la musica soltanto un hobby e i musicisti “vacche da mungere per estrarre soldi”?
Penso che ognuno debba sentirsi libero di intraprendere questa strada senza avere la paura di rischiare di rimanere “a piedi” a livello economico, senza temere di mettere sempre tutto te stesso nella tua arte e provare e riprovare.

A cura di Lorenzo Scuotto

0

Potrebbe interessarti