Rowdy di Di Maggio Connection: rock this town! [Recensione]

Rowdy è il nuovo album di Di Maggio Connection, la band del chitarrista rockabilly Marco di Maggio, uscito il 7 dicembre per Thunderball Records/Area Pirata.

Il rock’n’roll in casa Di Maggio è un affare di famiglia. Una lunga tradizione tramandata da padre ai figli, raccolta con sommo talento da Marco che da anni conquista le platee internazionali, protagonista nei festival più prestigiosi americani, tanto da essere insignito come membro onorario della Official Rockabilly Hall Of Fame: unico musicista italiano a beneficiare di un titolo così autorevole. Nelle vesti del power trio dei Di Maggio Connection, ‘Rowdy’ rappresenta il prosieguo dell’onorata carriera per Marco Di Maggio (con ben 14 album sulle spalle), un album in cui il rock’n’roll, lo swing, il rockabilly ed il blues si passano il testimone attraverso 11 nuovi brani, tra cui qualche rifacimento in cui spicca una versione pazzesca di ‘Smoke On The Water’: proprio quella! Il super classico targato profondo porpora sferzato dalla chitarra – out of control – di Di Maggio e da una sezione fiati da infarto. L’atmosfera rilassata di ‘Blues Calls My Name’ (palma per il titolo dell’anno!) è un tuffo nei film hollywoodiani degli anni ’50, aperitivo a bordo piscina e lo sguardo languido di Cary Grant in primo piano. ‘Rowdy’ è un album elegante e ricco di arrangiamenti, non a caso ‘Nowhere Latitude’ (da assaporare a bordo di una cabriolet con pupa a fianco) e ‘Rock’a’Tango (“the sound is class sex and elegance”) sono chiamate a rappresentare la nuova release, ma quando la chitarra del fiorentino torna a ruggire (‘Rowdy Little Song’ e ‘Bastard To The Bone’) e si erge a protagonista è impossibile trattenere le gambe e le chiappe. ‘Rowdy’ è l’espressione di un musicista che (grazie a Dio!) ha ripudiato la sua anima, e della sua infervorata chitarra, al diavolo: let’s rock!

Il Ministero della Pubblica Istruzione dovrebbe invitare la Di Maggio Connection ad un tour nazionale attraverso gli istituti nazionali per emancipare lo spirito del rock’n’roll e la passione per la chitarra elettrica: rock’n’roll is life!

Stefano Giacometti

Artwork e Tracklist di Rowdy di Di Maggio Connection

Marco Di Maggio: guitar and voice

Matteo Giannetti: double bassa

Marco Bersanti: drumsdi maggio rowdy recensione

  1. Nowhere Latitude
  2. Smoke On The Water
  3. Rock’n’Roll Is Life
  4. Rock’a‘ Tango
  5. Bastard To The Bone
  6. To And Frò
  7. Rowdy Little Song
  8. Save It
  9. Blues Calls My Namne
  10. Long Way From Home
  11. The Red Bridge
  12. Nowhere Latitude – radio version

 

2018-12-28T11:25:47+00:00 28 Dicembre 2018|Recensioni|0 Commenti