Decreto Rilancio: le indennità per i lavoratori dello spettacolo e le regole per i voucher dei concerti

di Dafne D'Angelo

E’ stato approvato ieri mercoledì 13 maggio, il Decreto Rilancio per lavoratori dello spettacolo.
Riguardo le disposizioni riguardanti l’industria musicale, è da segnalare l’indennità di 600 euro – riferite ai mesi di aprile e maggio – per il lavoratori del settore dello spettacolo che hanno maturato sette giorni di contributi nel 2019.

Per la musica dal vivo, il voucher è esteso dai 12 ai 18 mesi assolvendo gli organizzatori di eventi dal vivo sospesi a causa dell’emergenza sanitaria dagli “obblighi di rimborso”.

Un altro importante intervento riguarda il fondo perduto a favore delle piccole imprese fino a 5 milioni e la cancellazione dell’IRAP nei confronti delle imprese fino a 250 milioni di fatturato, con il rinvio a settembre dei tributi.

“Tra le dieci richieste del settore musicale oggi possiamo dire che diverse misure sono state accolte anche se restano ancora spazi di intervento in sede parlamentare”, ha commentato il presidente di FIMI Enzo Mazza, che pure – in una nota – ha osservato come dal fondo spettacolo sia rimasta esclusa l’industria discografica ed editoriale: “Tutti i provvedimenti adottati devono essere applicati con estrema urgenza perché le difficoltà del settore sono davanti agli occhi di tutti e non c’è più tempo”.

0

Potrebbe interessarti