Dave Grohl: “Ancora non riesco ad ascoltare i Nirvana”

Il cardine dei Foo Fighters, Dave Grohl, afferma che ancora ha difficoltà ad ascoltare la sua precedente band, i Nirvana.

In un’intervista a tutto campo a GQ Magazine, Dave ha affermato come immediatamente dopo la morte di Kurt nell’aprile del 1994 lui abbia smesso di assorbire qualunque tipo di musica.

“Per anni non riuscivo ad ascoltare alcun tipo di musica, figuriamoci se dei Nirvana”, ha spiegato,”Quando Kurt è morto, tutte le radio passavano canzoni dei Nirvana, ed ogni volta mi si spezzava il cuore.” Sebbene sia passato quasi un quarto di secolo, Dave afferma che ancora non suona musica dei Nirvana ma quando ne ascolta i suoi ricordi tornano indietro a quei tempi come un torrente. “Non ascolto mai dischi dei Nirvana, anche se so che sono sempre da qualche parte. Entro in macchina, ci sono. Vado in un negozio, ci sono.”

“PEr me, è una questione così personale. Ricordo ogni cosa di quei dischi: ricordo gli shorts che indossavo quando ho registrato una certa canzone o se abbia nevicato o meno quel giorno. In più, torno indietro e scopro nuovi significati nei testi di Kurt. Non per essere revisionisti, ma ci sono momenti in cui questo mi colpisce. E’ come dire ‘Wow, non ho realizzato che lui si sentiva così in quel periodo’.”

Riflettendo su come i Nirvana l’abbiano formato, Dave ha aggiunto: “I Nirvana, per me, furono una rivoluzione personale. Avevo ventun’anni. Ti ricordi quando avevi ventun’anni? Pensi di sapere ogni cosa. Ma non sai  niente. Pensavo di sapere tutto. E essere nei Nirvana mi ha mostrato quanto poco in realtà conoscevo. C’erano alcuni grandiosi alti nella mia vita, ma anche i più grandi dei bassi. Quelle esperienze divennero un tracciato o delle fondamenta con cui sopravvivere.”

Inoltre, nell’intervista, Dave Grohl ha affermato di “vergognarsi” del Presidente Donald Trump, spiengando che:”Ho probabilmente viaggiato all’estero molto più del nostro attuale presidentee l’unica che cosa che so di capire più di lui è che il mondo non è grande come si pensa che sia. E’ tutto il nostro vicinato. India, Asia, Islanda, non sono in altri sistemi solari. Mi vergogno del nostro presidente. Sento il bisogno di scusarmi quando viaggio.”

Ha continuato: “Ascoltate, chi se ne importa di cosa penso riguardo alle armi e alla religione, ma la cosa che punzecchia di più riguardo Trump è: sembra proprio un gran coglione. Giusto?”

“Ho conosciuto tantissime belle persone che non condividono le mie convizione politiche e puoi scomettere che tutti quelli che saranno domani sera allo stadio condividere la mia opinione o abbiano la mia stessa visione. Ma quando canto ‘My Hero’ loro cantano con me. In quelle tre ore che sto sul palco, a nessuno di loro importa.”.

I Foo Fighter suoneranno tre sold out a Manchester e Londra il prossimo mese.

Giulia-della-pelle

Wannabe ricercatrice e wannabe scrittrice. Amante dell’improbabile e del surreale. Adoratrice del Sole e dei dati statisticamente consistenti.

2018-05-27T16:25:11+00:00 27 maggio 2018|News|0 Commenti