Christian Tipaldi: la presentazione a Milano di un nuovo e ambizioso lavoro

Il 26 giugno Christian Tipaldi ha presentato a Milano “Soundtracks”. Il suo nuovo disco è uscito in Italia il 15 giugno e uscirà in digitale e nel resto del mondo il 29 giugno. La produzione è avvenuta tra l’Emilia-Romagna e New York con la partecipazione di alcuni dei migliori musicisti della scena nazionale e internazionale. Sul disco potrete infatti sentire i contributi di Mike Landau, Vinnie Colaiuta, Will Hunt, Matt Laug, Claudio Golinelli, Maurizio Solieri, Fabrizio Foschini, Luca Martelli, Ricky Portera, Adriano Molinari, Cicci Bagnoli, Daniele Tedeschi, Davide Vicari, Sergio Aschieris e Michele Luppi.

Un disco con queste credenziali non si vede spesso in Italia. Per usare le parole di Red Ronnie: “Ma Christian Tipaldi, chi è?“. Bella domanda.

Christian Tipaldi è principalmente noto al grande pubblico come fotografo ufficiale di Vasco Rossi e autore del libro Vasco All Areas. In questo disco assume le vesti di compositore, pianista e produttore. Il disco sarà accompagnato da un DVD con un documentario sul making-of, un’app, un libro multimediale di oltre 250 pagine che racconta il backstage e 7 videoclip. Riuscirà il nostro eroe nell’epica impresa?

La presentazione era decisamente sold-out, con gente anche in piedi. L’entusiasmo era palpabile e l’atmosfera carica di aspettative. Oltre a Christian Tipaldi, erano presenti anche il famoso critico Red Ronnie e alcuni dei numerosi musicisti che hanno partecipato a questo disco: Maurizio Solieri, Michele Luppi, Ricky Portera, Cicci Bagnoli, Sergio Aschieris e Daniele Tedeschi. Durante la presentazione i chitarristi hanno suonato alcune delle canzoni e l’evento si è trasformato praticamente in un concerto, con tanto di volumi da stadio e urla del pubblico. Le canzoni sono tecnicamente ineccepibili essendo prodotte in ottimi studi e suonate dai migliori musicisti in circolazione. Il sound dei pezzi va dall’estremamente morbido stile Kenny-G di Manú all’estremamente duro, quasi metal, di Explotion. L’unico pezzo cantato è Death of the World, mentre il resto è tutto strumentale. Gli arrangiamenti non sono mai troppo grandi per non essere riproposti dal vivo quindi non possiamo escludere di incontrare in futuro un’ipotetica Christian Tipaldi Band in concerto.

Citando ancora Red Ronnie: “Questo è un disco da pazzi“. Effettivamente ha ragione: nel panorama italiano un disco di rock (quasi) strumentale, molto cinematografico, sembra un po’ un outsider. Con la giusta promozione e la giusta diffusione potrebbe però essere un apri-fila per un genere che in Italia vede molto meno supporto che all’estero e magari farà del bene a tutta la scena.

Lorenzo Natali

Amante della musica e dell’arte in tutte le sue forme. Studente di lettere, musicista e compositore (forse un giorno anche in modo professionale) ma, soprattutto, eterno eccessivo pensatore. Tendenzialmente bonario ed aperto ad ogni sound, raramente critico in modo cinico e accanito tanto da doversi sottoporre a censura. Forse, però, è meglio così….

2018-07-02T20:33:43+00:00 2 luglio 2018|News|0 Commenti