È arrivata ormai alla sua settima stagione, e per chi segue le notizie con costanza sa già che è stata rinnovata per un’ottava e ultima stagione. Il primo ad annunciarlo è stato proprio il protagonista, l’attore Stephen Amell che ormai da più di sette anni ricopre il ruolo di Oliver Queen, il vigilante di Star City

Arrow

Ma per chi ancora non sa di cosa stiamo parlando, ecco un piccolo recap: la serie racconta le vicende di Oliver Queen, playboy miliardario di Starling City, che dopo aver passato cinque anni su un’isola deserta, riesce a fare ritorno nella sua città nei panni di un giustiziere.

«Il mio nome è Oliver Queen. Per cinque anni sono rimasto bloccato su un’isola con un solo obiettivo: sopravvivere. Ora esaudirò i desideri di mio padre in punto di morte: userò la lista di nomi che mi ha lasciato e colpirò tutti quelli che stanno avvelenando la mia città. Per fare questo devo diventare qualcun altro, devo diventare qualcos’altro.»

La notizia ha sicuramente sconvolto i fan (me compresa, lo ammetto) che visti gli ottimi ascolti ottenuti dalla stagione ancora in corso proprio non se lo aspettavano. Ci eravamo ormai abituati a vedere degli eroi mascherati difendere la propria città per farne un posto migliore, ma non solo. Ci siamo affezionati anche ai personaggi, che erano diventati parte della nostra vita di bingewatchers.

E non dimentichiamoci che è stata la prima serie tratta dai fumetti della DC Comics ad essere adattata ai piccoli schermi. E dopo l’enorme successo ha permesso la trasposizione di altre due serie (The Flash, Legends of Tomorrow, N.d.R.). C’è anche da tener conto anche di Supergirl, che per quanto possa sembrare separata così come forse anche nel suo destino, è stata sempre associata alle altre. Dando così vita a quello che chiamiamo Arrowverse e ai suoi meravigliosi crossover.