“8” il nuovo album dei Subsonica: diario di una conferenza stampa

Venerdì 12 ottobre uscirà “8” (Sony Music), l’attesissimo album dei Subsonica. La band composta da SamuelMax CasacciBoostaNinja e Vicio torna insieme dopo quattro anni per presentare un nuovo lavoro di inediti, anticipato dal singolo Bottiglie Rotte”.

8 è l’ottavo album di una band che, pur continuando a evolvere nel proprio approccio alla musica e senza mai smettere di sperimentare, è riuscita a coinvolgere un pubblico sempre più ampio.

8 è la stilizzazione del tempo che gira su se stesso, è la rappresentazione dell’infinito, è l’occasione per ridefinire un punto di partenza dopo le pause individuali, ricominciando da dove tutto è iniziato. Ma è anche e soprattutto un album di riflessione attenta sul tempo presente.

 OTTO, IL NUMERO CHIAVE DI CASTEL DEL MONTE, luogo dove si è appena svolta la conferenza stampa di presentazione dell’album: Castel del Monte è una costruzione che risale al XIII secolo, collocata sull’altipiano delle Murge occidentali in Puglia, nell’attuale frazione omonima del comune di Andria. La sua origine risale al 29 gennaio del 1240 quando fu commissionato dall’imperatore del Sacro Romano Impero Federico II. L’edificio, noto a tutti per la sua inconfondibile forma ottagonale, è considerato un rinomato esempio di architettura medievale. Al suo interno, coesistono elementi stilistici divergenti ma perfettamente integrati fra di loro. Visitandolo, infatti, si possono notare il taglio romanico dei leoni dell’ingresso, la cornice gotica delle torri, l’arte classica dei fregi interni e le delicate raffinatezze islamiche dei suoi mosaici. Questo castello, nonostante sia privo di alcuni elementi tipici dell’architettura militare medioevale, quali il fossato e le mura di cinta, ha avuto un ruolo importante come anello di congiunzione fra la linea difensiva costiera e quella dell’entroterra. Ciò che diversifica e rende unico Castel del Monte è proprio la sua planimetria, basata su una figura ricca di significati e a tratti enigmatica, il numero otto. Castel del Monte è caratterizzato da una pianta ottagonale circondata da otto torri ottagonali, con otto sale al piano inferiore ed otto sale al piano superiore disposte in modo da formare un ottagono e con un cortile interno ottagonale.

Il numero 8 compare innumerevoli volte nella costruzione in ogni particolare dell’architettura e in infiniti dettagli decorativi all’interno.
L’edificio, oltre a essere un esempio di costruzione precisa, è carico di simbolismi che hanno appassionato numerosi studiosi. L’ottagono è una forma geometrica fortemente simbolica: si tratta della figura intermedia tra il quadrato, simbolo della terra, e il cerchio, che rappresenta l’infinità del cielo, e quindi segnerebbe il passaggio dell’uno all’altro. La scelta dell’ottagono potrebbe derivare dalla Cupola della Roccia a Gerusalemme, che Federico II aveva visto durante la sesta crociata, o dalla Cappella Palatina di Aquisgrana. L’intera costruzione è intrisa di forti simboli astrologici e la sua posizione è studiata in modo che nei giorni di solstizio ed equinozio le ombre gettate dalle pareti abbiano una particolare direzione. A mezzogiorno dell’equinozio di autunno, ad esempio, le ombre delle mura raggiungono perfettamente la lunghezza del cortile interno, ed esattamente un mese dopo coprono anche l’intera lunghezza delle stanze. Due volte l’anno (l’8 aprile e l’8 ottobre, ed ottobre in quel tempo era considerato l’ottavo mese dell’anno), inoltre, un raggio di sole entra dalla finestra nella parete sudorientale e, attraversando la finestra che si rivolge al cortile interno, illumina una porzione di muro dove prima era scolpito un bassorilievo. Da secoli, infatti, gli studiosi e gli innumerevoli visitatori, si sono appassionati ed hanno cercato di capire quali significati e interpretazioni si celano dietro una struttura architettonica così misteriosa e simbolica. Si sono susseguite nel tempo diverse ipotesi circa un utilizzo alternativo o una finalità completamente diversa da quella di castello per Castel del Monte.
A causa dei forti simbolismi di cui è intrisa, è stato ipotizzato che la costruzione potesse essere una sorta di tempio, o forse una sorta di tempio del sapere, in cui dedicarsi indisturbati allo studio delle scienze. In ogni caso si rivela come un’opera architettonica grandiosa, sintesi di raffinate conoscenze matematiche, geometriche ed astronomiche. Alcune lievi asimmetrie nella disposizione delle residue decorazioni e delle porte interne, quando non dovute a spoliazioni o alterazioni, hanno suggerito ad alcuni studiosi l’idea che il castello e le sue sale, pur geometricamente perfette, fossero stati progettati per essere fruiti attraverso una sorta di “percorso” obbligato, probabilmente legato a criteri astronomici. Una recente ipotesi assegnerebbe alla costruzione la funzione di centro benessere, atto alla rigenerazione e alla cura del corpo, su modello dell’hammam arabo. Diversi sono gli elementi della costruzione che porterebbero in tale direzione: i molteplici e ingegnosi sistemi di canalizzazione e raccolta dell’acqua, le numerose cisterne per la conservazione, la presenza delle più antiche stanze da bagno della storia, la particolare conformazione dell’intero complesso, il percorso interno obbligato e la forma ottagonale. A causa della sua forma ottagonale, con altrettanti ottagoni posti in corrispondenza dei vertici della pianta centrale, è possibile supporre che l’edificio fosse costruito per richiamare la forma di una corona; ciò spiegherebbe la funzione di Castel del Monte, ovvero un’ulteriore affermazione del potere imperiale, un monumento.
Castel del Monte è stato inserito nell’elenco dei monumenti nazionali italiani nel 1936 e in quello dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 1996. Questo edificio è considerato un luogo estremamente affascinante e ricco di enigmi, merita di essere visitato almeno una volta nella vita.

TOUR:  Il gruppo torinese, che ha da sempre un respiro internazionale, sarà protagonista dal 4 al 19 dicembre di “European reBoot2018” sui palchi di 9 cittàAmsterdamLondra, (dove hanno recentemente lavorato al disco con l’ingegnere del suono Marta Salogni, astro nascente, già engineer dell’ultimo album di Björk), DublinoZurigoParigiBruxellesColoniaBerlinoMonaco. A questo seguirà “8 TOUR”, la tournée italiana nei palazzetti che toccherà 8 città lungo tutta la penisola: Torino, Milano (città nelle quali oggi si annunciano le date doppie) Ancona, Bologna, Padova, Genova, Roma e Firenze.

8, subsonica, nuovo album, tour

DARK ROOM: Alcuni fortunati fan dei Subsonica hanno potuto ascoltare in anteprima “8” una settimana prima del giorno dell’uscita. Un ascolto speciale per i primi cento di ogni città che hanno fatto richiesta sul sito del gruppo (10.000 le richieste arrivate in 24 ore), in quelle che sono state soprannominate “DARK ROOM”, allestite in quattro città: a TORINO all’OFF TOPIC (via Giorgio Pallavicino 35), a MILANO in Santeria (Viale Toscana 3), al Lanificio di ROMA (Via di Pietralata 159/A) e al Lanificio 25 di NAPOLI (Piazza Enrico De Nicola 46). La band ha regalato al pubblico un’esperienza immersiva e racconta così l’idea:

Abbiamo allestito 4 portali (uno a nord, uno in centro, uno a sud e uno nella nostra amata Torino), per aprire varchi che vi permetteranno di entrare, prima della data prefissata, nell’universo di “8”. Ma prima di parlarvi del “cosa” si potrà ascoltare in anticipo all’interno di questi spazi, riteniamo importante descrivervi il “come”.

Prima della musica su computer e cellulari. Prima del consumo frugale delle poche tracce più conosciute. Prima delle cuffiette e dei masterizzatori digitali, in un’altra epoca era consuetudine – dopo avere impazientemente atteso l’uscita di un album – trovarsi con i propri amici in religioso silenzio a scartare la copertina. A spiarne avidamente i contenuti interni. Ad annusarne il profumo di vinile illibato. Ad appoggiare la puntina del giradischi e a lasciarsi avvolgere completamente dalla musica, che diventava il solo elemento capace di catturare l’attenzione per ore e ore. Noi vogliamo regalarvi questa esperienza perduta. Vogliamo che vi spogliate, come in una vera dark room, di tutta la tecnologia che quotidianamente vi accompagna, (sarà affidata all’ingresso a personale che vi restituirà cellulari e altri oggetti tecnologici al termine) e che entriate al buio, insieme ad altre persone estranee, nell’universo di “8”, per ascoltare in anteprima tutto l’album, dall’inizio alla fine. Una sola volta. E per scoprire che cosa abbiamo realizzato durante questa lunga attesa. Buon viaggio”

In questi ultimi anni i Subsonica hanno fatto molto altro.
Samuel voleva sperimentare l’avventura da solista. Ha creato “Il codice della bellezza”. Inoltre si è impegnato in svariate collaborazioni, tra cui quelle con Mannarino e Tom Morello, già chitarrista dei Rage Against The Machine.
Max, distanziandosi dalla scrittura delle canzoni, ha esplorato, invece, l’alchimia fra suoni e rumori nell’elettronica sperimentale dell’album “Glasstress” e nell’ultra jazz del progetto MCDM con l’album “The City”, dedicandosi anche al cinema (colonna sonora del film “Uno per tutti” di Mimmo Calopresti) e alla scienza “botanica” con Deproducers.
Boosta a sua volta si è cimentato con la dimensione individuale e ha prodotto il suo primo album “La stanza intelligente”, collaborando con autori quali Luca Carboni, Enrico Ruggeri e Malika Ayane. Ha firmato, poi, le colonne sonore delle serie “1992” e “1993” per Sky Atlantic.
Ninja ha dato ritmo al progetto elettronico Demonology HiFi insieme a Max nell’album “Inner Vox”, mettendo anche in mostra le proprie qualità di batterista, sia in veste di session man, sia collezionando grandi quantità di like sui social.
Vicio ha sfornato, da parte sua, un singolo con Ezra James, oltre a collaborare con nomi storici della musica italiana e produrre nel suo studio svariati artisti indipendenti. E ha scritto un libro, di prossima uscita, sulle pratiche di yoga applicate alla musica.

Strade molto diverse.
Poi è arrivata la chiamata. Bisognava tornare a casa.
Una creatura costruita in più di 20 anni di vita, di energie, di capacità, di lavoro, diventa qualcosa che vivendo di vita propria manifesta volontà ed esigenze. Più forti di quelle dei suoi singoli organi vitali.
Per ritrovare un punto di partenza, la band ha scelto di ricominciare dalla propria storia, ispirandosi a quel numero 8 che richiama la suggestione circolare del tempo. E noi abbiamo seguito la sua genesi con il #decifraicodici.

Un gruppo che rimane fedele a se stesso abbastanza a lungo riesce a vedere il proprio passato tornare attuale.
E infatti “8” incomincia, quasi provocatoriamente, da quegli anni ‘90 dove tutto ha avuto inizio.
Scommettendo sulla loro attualità. Per poi proiettarsi, traccia dopo traccia, progressivamente verso il futuro. Con parole che guardano il presente di questi “anni senza titolo” dritto negli occhi.

L’album è stato scritto e registrato a Torino (gennaio/giugno 2018), nel quartiere Vanchiglia, tra le pareti di quello Studio Andromeda che ha sostituito la storica Casa Sonica. È stato prodotto interamente dalla band, sotto la supervisione di Max, che ne ha anche curato la registrazione.
Il mixaggio, realizzato a Londra, è stato affidato a Marta Salogni. Giovanissima engineer e producer italiana, trasferitasi in Inghilterra da 10 anni, Marta ha recentemente firmato il mix dell’ultimo album di Björk.
Per l’unico featuring (“L’incubo”) è stato coinvolto il rapper torinese Willie Peyote, volto nuovo della scena cittadina, già amatissimo in tutta Italia. E molto stimato dai Subsonica.
L’artwork è stato affidato a Marino Capitanio, graphic designer poco più che trentenne attualmente attivo ad Amsterdam.

“8” BRANO PER BRANO:

8, subsonica

1) JOLLY ROGER

È il brano che colloca “8” in una cornice di suggestione “temporale”.

Si parte dagli anni ‘90, da quel sound che ha ispirato fortemente la band durante le caldissime nottate di una stagione sonora che rivive in questa base proposta da Boosta e Ninja.

La “Jolly Roger” è la bandiera dell’adolescenza e il testo – diviso tra una rievocazione “giovanile” dei sogni musicali di Samuel, contrapposta a strofe di Max che raccontano dell’oggi in relazione al tempo trascorso – si lega fortemente alla forma ciclica del numero 8. Mentre le corde di Vicio sostengono la pulsazione.

 “Ma adesso siamo qui” è la dichiarazione dell’essere presenti oggi più che mai, dopo che i sogni realizzati sono stati esposti all’attrito del tempo, ai sussulti dei traguardi, delle gioie, ma anche delle disillusioni.

2) L’INCUBO

Nasce da un’idea di Samuel, con un suono ancorato saldamente alle sonorità del primissimo album. Il testo racconta dello smarrimento che si prova nel restare sospesi tra le proprie certezze e i timori di un passo verso l’ignoto, necessario per dare vita alle proprie aspirazioni.

Il brano è anche occasione per l’unico featuring di “8”. Le strada dei Subsonica incontra quella di Willie Peyote, intelligentissimo rapper, autore di testi brillanti e graffianti, ma soprattutto testimone di una rinata vitalità musicale torinese, molto apprezzata ovunque.

3) PUNTO CRITICO

Se “Microchip emozionale” uscisse oggi, conterrebbe con tutta probabilità sonorità come queste.

Ninja e Max danno vita ad una base acida e groovosa, che fornisce occasione per un’analisi del tempo. Il testo di Max (come la melodia), costruito per abbinamenti, prova a descrivere questi “anni senza titolo”.

Poveri di slanci ideali e di narrazione collettiva, votati all’individualismo, segnati da rigide chiusure, ansie patriottiche e tensioni nazionalistiche. E pur tuttavia globalmente decisivi per come pongono l’umanità di fronte a ineludibili scelte epocali. Spesso di non ritorno.

La clonazione, il rapporto tra nuove tecnologie e libertà individuali, l’automazione del lavoro umano, lo sviluppo di intelligenze artificiali, le emergenze climatiche, appaiono temi fuori portata rispetto alla comune consapevolezza e alla sensibilità del tempo.

4) LA FENICE

La Fenice è la figura individuata da Samuel e Max per descrivere quelle personalità dominanti, spesso tiranniche, quasi sempre intramontabili, che tendono ad infestare l’immaginario collettivo e la sfera privata del nostro presente.

Dalle realtà di potere ai luoghi del lavoro, dalle Università fino all’interno delle mura domestiche. Talvolta anche nei rapporti sentimentali segnati da violenza.

La Fenice rappresenta l’elemento autoritario che si ripropone con perenne capacità di trasformismo, che non rinuncia alla propria centralità, che ostruisce il ricambio di energia.

Ma La Fenice rappresenta anche la forza, la capacità, il potere liberatorio del bruciare tutto per risorgere dalle proprie ceneri.

Le sonorità oscillano tra una rilettura dei Subsonica di “Microchip emozionale” e un basso di Vicio dal carattere new wave.

5) RESPIRARE

Con base armonica di Boosta e la melodia dolce e spaziosa di Samuel, “Respirare” è un brano carico di sentimento.  È un invito a dissolversi, ad alleggerirsi dal peso di un’ansia, oggi così comunemente presente, ad uscire dalla propria autocentratura per smaterializzarsi nel flusso del tempo e nello scenario della natura.

Testo di Samuel con lievi interventi di Max.

6) BOTTIGLIE ROTTE

È il primo singolo dell’album. Passi di danza per giovani star autistiche da pianerottolo, in un mondo nel quale i titoli sostituiscono le notizie, le svastiche vengono tracciate per noia e l’indifferenza è una materia prima. Strofa di Boosta, ritornello e testo di Max.

7) LE ONDE

L’11 marzo del 2015 moriva improvvisamente, in un incidente stradale, Carlo Rossi. Carissimo amico della band, figura di riferimento fondamentale per la musica torinese prima e per quella italiana poi. Maestro di tecniche di registrazione per Max.

Carlo ha lavorato per e con innumerevoli artisti celebri e importanti.

Dedicare un brano alla sua dolorosa scomparsa sarebbe potuto risultare pretenzioso.

Ma la cosa, nata spontaneamente dal pianoforte e da una melodia di Boosta, è stata successivamente arricchita da ampi spazi strumentali, capaci di rendere sostenibile il peso dell’argomento. Che è la perdita di una persona cara, ma che è anche il nostro interrogarci sul significato di quello che succede dopo.

Con o senza risposte.

Testo collettivo.

8) L’INCREDIBILE PERFORMANCE DI UN UOMO MORTO

È un brano proposto da Boosta, anche nella prima stesura del testo, successivamente rivisto e implementato insieme a Max e Samuel. È l’ingrandimento di un istante di fuga dai sentimenti, di un abbandono, di una riscrittura un po’ codarda e narcisistica, ma pienamente consapevole, degli eventi.

Lo zoom si concentra sul dettaglio delle lacrime altrui per come cadono “bellissime” al rallentatore.

Mentre la musica, inizialmente dolce e malinconica, accompagna il quadro emotivo in un crescendo di tensione.

9) NUOVE RADICI

Li chiamano contadini 2.0. Spesso sono giovani che, dopo avere studiato e viaggiato, scelgono di lavorare la terra. Con consapevolezza, inventiva e rispetto. È un’immagine luminosa del futuro.

In qualche modo, questo brano di Max, che elabora una strofa di Boosta, è dedicato a loro. Tra suggestioni afro beat, synth visionari e un basso di Vicio che mantiene ostinatamente lo stesso riff per tutto il brano, attraverso i diversi cambi di scenario.

10) CIELI IN FIAMME

Brano proposto da Samuel (suo anche il testo), elaborato ritmicamente da Ninja e Max in chiave “bass”, contrappuntato da incursioni elettroniche di Boosta e dalle plettrate nervose di Vicio.

È un brano carico di tensione fisica. Luci e ombre vorticano in un uragano capace di inghiottire per poi risputare la rabbia e i sentimenti. Fino ad una tregua finale patteggiata con i propri demoni.

11) LA BONTÀ

L’album si chiude su un tema oggi molto discusso: la bontà. Da alcuni identificata con buonismo, a cavallo tra cinismo e ingenuità. Il brano offre suggestioni, senza necessariamente indicare conclusioni, sull’inevitabile dualismo interiore. Il brano, proposto da Samuel anche nelle parole, ha il compito di chiudere l’album in una delicata sintesi di stili differenti che solo nel suono (e nella storia) dei Subsonica possono riuscire a convivere.

 

Social Addicted. Sceneggiatrice su Whatsapp. Esperta in drammi sentimentali, pizze, panini e piadine. Sempre in bilico fra le due passioni: la ricerca scientifica e il giornalismo. Penna cinica del web appassionata di musica, arte e viaggi.

2018-10-09T18:36:24+00:00 9 ottobre 2018|News|0 Commenti