Come nasce un prodotto discografico e quante figure sono coinvolte?

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita” ha detto qualche millennio fa Confucio. Essere spinti dalla passione è sicuramente uno dei segreti per fare bene e con entusiasmo il proprio lavoro. E questo vale anche per il musicista? Il musicista è davvero un lavoro o un hobby da affiancare

2018-04-21T07:43:56+00:00 21 aprile 2018|Musica&Lavoro, Rubriche|0 Commenti

Gioved-INDIE || Gabriella Martinelli: La fantasia è un viaggio nella leggerezza.

Il giovedì – lo sappiamo – è il giorno più indipendente della settimana, non è ancora week end ma iniziamo già a risentire della settimana di lavoro, e in questo limbo di indecisione esistenziale noi vi proponiamo come sempre l’artista della settimana, più o meno noto, per alleggerire il peso dei giorni trascorsi e introdurre

2018-04-19T17:42:41+00:00 19 aprile 2018|Gioved-INDIE, Rubriche|0 Commenti

Motta, l’amore, l’esistenza: “Vivere o morire”, un disco intimo e familiare

L’amore da alla testa oltre a fare gossip. Nel caso di Motta, ha sicuramente ispirato gran parte delle liriche e degli arrangiamenti a tratti melensi di questo nuovo album, il secondo per precisare. "Il secondo album è sempre più difficile, nella carriera di un artista" (parafrasando Caparezza) ed io di cape ricciolute me ne intendo.

Gioved-INDIE, ospite del giorno Leo Pari: “Le storie oggi sono usa e getta.”

Ospite di questa puntata di Gioved-INDIE è Leo Pari, cantautore, musicista e produttore romano, reduce dalla pubblicazione di una trilogia di album chiusa con “Spazio” e tornato alle scene in questi mesi con la pubblicazione di tre singoli che preannunciano l’uscita di un nuovo album. Una chiacchierata con Leo spesso ha insito in sè il

2018-04-12T15:40:04+00:00 12 aprile 2018|Gioved-INDIE, Rubriche|0 Commenti

GaLoni: “uno dei problemi della metropoli è che purtroppo ormai ci siamo abituati a queste “distanze”.

Continua la rassegna del Giovedì, quella che scandaglia nel panorama emergente e non, i prodotti dell’indipendenza che stanno segnando il nuovo pop nostrano. Ospite di questo giovedì è Emanuele Galoni, in arte gaLoni, che abbiamo ascoltato in vista dell’uscita del suo nuovo album i cui primi singoli saranno disponibili già nel mese di Aprile. Cantautore

ENOGASTRONOMUSICA, Bud Spencer e Robert Johnson: fagioli messicani e delta blues

La sparo grossa, ma me ne assumo le responsabilità. Quando si parla di blues, chitarre resofoniche, miti e leggende legate al demonio, bisogna partire per forza da un punto ed io adoro parlarne ogni volta. Robert Leroy Johnson, il padre del delta blues, quello bucolico, agreste, bottleneck ricavato da una bottiglia di whiskey e una parlor suonata

Gioved-INDIE: Gazzelle, credo che gli haters contribuiscano al successo di un artista

Flavio Pardini, in arte Gazzelle, è l'ospite settimanale della rubrica più indipendente del web, Gioved-INDIE. Il cantautore della Maciste Dischi, reduce dai tre concerti-evento a Roma e Milano, ci ha raccontato come le critiche dei cosiddetti haters possano in qualche modo creare hype e di conseguenza innalzare la notorietà di un artista. Ciao Flavio, benvenuto

2018-03-29T14:20:21+00:00 29 marzo 2018|Gioved-INDIE, Rubriche|0 Commenti

Marco D’anna – Mexico ’86 [Recensione]

A distanza di due anni dall’album La Mela, Marco D’Anna ritorna a pubblicare degli inediti con una veste sonora ed un immaginario completamente diverso dal precedente lavoro. "doveva essere così il futuro, una pallottola spuntata ed un duro, con una giacca in finta pelle che starà sicuramente meglio a me..." I Mondiali in Messico nel

ENOGASTRONOMUSICA, “I Ministri” della musica e della gola: “Fidatevi”, un disco bellissimo

Uno squalo in copertina e già la mia attenzione, surrogato di un’adolescenza segnata da cult come i film di Steven Spielberg, è calamitata verso questo nuovo progetto discografico della band milanese. A conferma delle mie supposizioni arriva feroce come un tuono il primo singolo, la title track Fidatevi, accompagnata da un videoclip altrettanto crudo ed

SottoTraccia Cap.4: L’elegante Jazz di Stefano Minder e le avvolgenti psichedelie degli IVAS

Questa settimana, con "SottoTraccia", andiamo a scoprire due artisti dotati di gusto e raffinatezza. Ci caliamo, questa volta, in panorami musicali ben lontani dalle frenesie della musica contemporanea, andando ad immergerci prima nelle raffinate e delicate note di piano e voce del Jazzista Stefano Minder, per poi passare alle ambientali ed avvolgenti esecuzioni della band

2018-03-23T16:28:14+00:00 23 marzo 2018|Rubriche|0 Commenti